CHIEVO FORTITUDO WOMEN-NOVESE: 6-0

CHIEVO FORTITUDO WOMEN: Olivieri, Pecchini (15’st Bonfante), Faccioli, Salaorni (21’st Carabott), Caliari, Bertolotti (15’st Peretti), Tardini (1’st Caneo), Carraro, Dallagiacoma, Martani (1’st Mascanzoni), Boni. A disposizione: Salvi. Allenatore: Dalla Pozza.

NOVESE: Milone, Barbero, Rigolino, Perna, Verna (37’pt Tamburini), Malatesta (37’st Franchi), Nicastro, Marenco (48’st Bellani), Zella, Accoliti, Levis. A disposizione: Repetti, Mariano, Brullo, Vitiello, De Vito. Allenatore: Milanese.

Arbitro: Frosi (Treviglio). Assistenti: Marra (Milano) Morotti (Bergamo).

Reti: 6’pt Martani; 12’pt Carraro; 43’pt Boni; 2’st Dallagiacoma; 10’st Mascanzoni; 47’st Carabott.

Note: 14’pt ammonita Rigolino.

Una partita a senso unico. Il Chievo Fortitudo Women riesce a comandare sin dalle prime battute e a porta a casa tre punti preziosi. Mister Dalla Pozza presenta nell’undici iniziare un solo cambio rispetto alla formazione di Cesena (Bertolotti per Peretti) e la squadra risulta ancor più equilibrata e ordinata nella manovra. La Novese, paga un modulo rinunciatario (4-5-1) e una trama di gioco senza un perchè.

Partono subito forte le gialloblù con Martani che dopo tre minuti defilata sulla sinistra dell’area di rigore, si accentra e lascia partire un diagonale che finisce a lato di poco. E’ il preludio al gol che arriva al 6′ proprio con l’attaccante numero 9: sempre dalla sinistra, Martani entra in area liberandosi ottimamente di un difensore e lascia partire il tiro che piega le mani di Milone e finisce in rete. Dopo appena 6 minuti arriva il raddoppio: Bertolotti, con la sua tecnica, trova con un filtrante al bacio Carraro che sale, entra in area e indisturbata si lascia alle spalle anche il portiere e segna il gol del 2-0. Al 20′ con un’acrobazia, su ottimo cross dalla sinistra di Martani, Boni prova a trovare la gioia del gol ma il pallone finisce alto. Applausi per il gesto e per una squadra che sembra aver trovato le giuste trame. Al 24′ arriva il primo timido tentativo della grigie della Novese con Malatesta che dal limite dell’area senza pensarci su due volte calcia in porta ma la palla finisce abbondantemente a lato.

Il copione è sempre lo stesso: le gialloblù che spingono e creano occasioni e le ragazze di Milanese che provano a limitare i danni. A due minuti dal termine della prima frazione arriva il 3-0 firmato dalla 37enne Boni. Palla filtrante di Carraro sui piedi del numero 10 che entra in area e senza nessuna opposizione calcia in rete. Al 44′ timido tiro in porta di Tamburini che Olivieri para senza problemi.

Il secondo tempo presenta la stessa musica. Al 2′ Dallagiacoma trova il quarto gol dopo essere stata servita ottimamente da Boni, splendidamente in palla in questa domenica uggiosa. Al 9′ la Novese trova la via del gol ma l’arbitro annulla per fuorigioco. Un minuto più tardi arriva la cinquina gialloblù: Carraro mette in area dalla sinistra un traversone basso, Milone esce in tuffo ma non trattiene la palla che capita sui piedi di Mascanzoni che da due passi non fa altro che toccare in rete.

La Novese non riesce a opporre resistenza alle clivensi che, anche grazie ai cambi, non rinuncia ad attaccare per aumentare il bottino. Carabott, subentrata a Salaorni uscita malconcia dopo aver subito un colpo, sin dalla prime battute fa vedere la sua voglia di entrare nel tabellino dei marcatori. Dopo cinque minuti dal suo ingresso in campo, viene servita in area da Boni e seppur defilata sulla destra lascia partire un destro in diagonale che si stampa sulla traversa. La gioia del gol per la maltese arriva al 48′: cross dalla destra, Dallagiacoma prova a colpire a rete, l’estremo difensore respinge ma la palla rimane in area, Carabott si scaraventa sul pallone ma viene atterrata. L’arbitro a due passi non esita a fischiare il calcio di rigore che Carabott trasforma per il tennistico e definitivo 6-0.

Una vittoria che porta le gialloblù a 14 punti allontanandole così dalla zona calda della classifica.