AZALEE – FORTITUDO MOZZECANE –  = 2 – 2
Reti: 18’ Piovani, 22’ Cavallini, 29’ Ferrario, 72’ Ferrario
AZALEE: Moro, Scalise (63’ Seghetto), Segalini, Del Raso, Crestan, Brunini, Peripolli, Galati, Checkza, Ferrario, Barbini AD: Negri, Albizzati, Ingegneri, Kote, Pegoraro, Flamini All. Prestifilippo
FORTITUDO: Olivieri, Caliari, Welbeck, Bertolotti, Salaorni, Sossella, De Vincenzi (77’ Ivanova), Piovani,  Cavallini, Signori Mecenero (65’ Rizzi) AD Venturini, Ciresola, Dellera, Voltolini, All Manganotti
Arbitro:  Borca Edoardo di Torino Assistenti: Albusceri e Barbiero di Legnano e Busto
Ammonite: Salaorni
Espulse: –
Ovviamente farsi rimontare due reti, tra l’altro per due volte di seguito, non fa piacere a nessuno ma un pareggio esterno contro una squadra così in forma è da prendere  con soddisfazione. Il pareggio è un risultato giusto perché le Azalee hanno tenuto di più il campo ma la Fortitudo ogni volta che si è spinta in avanti ha creato problemi alle lombarde. Queste tre partite devono far capire che quanto si sta facendo finora in allenamento e in partita non basta ancora e quindi sia singolarmente che collettivamente bisognerà intensificare gli sforzi per adattarsi alla categoria. Ancora positivo il contributo fornito dalla classe ’99 De Vincenzi, alla sua seconda presenza da titolare.
Al 5’ punizione della Salaorni dalla trequarti che Cavallini controlla bene, poi evita il portiere e rimette al centro ma per un soffio ne Mecenero ne De Vincenzi riescono nella deviazione; al 12’ intervento magistrale della Olivieri che su velocissimo contropiede della Barbini riesce ad arpionare con le mani una palla scottante; al 18’ De Vincenzi si invola sulla destra e mette in mezzo una palla d’oro che Piovani in scivolata spedisce in fondo al sacco (prima rete in serie B); al 22’ è ancora De Vincenzi che vincendo due contrasti serve palla in lunetta alla Mecenero, bravisiima a vedere il movimento sul lato pposto della Cavallini, che dopo il controllo infila sapientemente in diagonale; al 28’, ritornano i fantasmi, quando Wellbeck cerca un facile appoggio che viene intercettato e prontamente rimesso in mezzo dove sbuca Ferrario che non trova difficoltà a riaprire la partita; al 40’ volata sulla sinistra della Scalise con perfetto cross al centro sul quale piombano in contemporanea Ferrario e Wellbeck per cui la palla schizza sopra la traversa; al 45’ ancora da un lungo lancio ne deriva una situazione pericolosa che Salaorni è brava a sbrogliare.
Per una ventina di minuti buoni, pressione delle Azalee che però non determina veri pericoli; al 62’ punizione dalla trequarti della Galati che Olivieri smanaccia in corner in extremis; al 65’ De Vincenzi in ripiegamento riesce a sventare un pericolo in zona lunetta; al 72’ su un cross dalla destra apparentemente innocuo, sbuca la testa della Ferrario che insacca il 2-2; al 76’ è ancora la regista Galati che dal limite dell’area spara un destro che impegna severamente  Olivieri aiutata in questo caso anche dalla traversa.; al 84’ bellissima azione gialloblu passante da Caliari, Signori, Piovani e Cavallini, brava ad effettuare un cross sul quale Piovani non trova l’attimo vincente; nient’altro da segnalare fino al fischio finale.
La prossima di campionato (4°) verrà disputata il 22\11\15 a Pizzoletta contro l’ Inter Milano, oggi vincente sull’Oristano per 4-0 ed una delle maggiori candidate alla promozione in serie A. La Fortitudo, fatto tesoro di queste prime tre partite, dovrà presentarsi assai agguerrita e concentrata evitando qualsiasi regalo al fine di portare a casa un risultato appagante.
AL VOLANTE: “Caro amico ti scrivo, così mi distraggo un po’. E poi ti saluto per sempre”.
Giuseppe Boni