UNTERLAND DAMEN. FORTITUDO MOZZECANE = 2 – 1
Reti: 20’ Rigatti, 33’ Cavallini, 94’ Rigatti
UNTERLAND: Caser,Amort, Gottardi, Turani, Santa, Francesconi (88’ Polcino), Turrini, Ferraris (68’ Micheletti),Barbacovi, Rigatti, Hoffer (52’ Consolati) AD: Spitaler, Dona’ Nardon All. Trentini
FORTITUDO:Olivieri Sossella (82’ Mecenero), Caliari,  Venturini ,Faccioli, Caffara, Caneo (72’ Rasetti), Bindella (65’ Rizzi), Cavallini Peretti Maselli AD Begnoni, Smith, Salaorni, Signori All Pignatelli
Arbitro: Davide Barozzi di Rovereto   Assistenti –
Ammonite:, Peretti, Turani
Espulse: –
La Fortitudo alza la quota salvezza; dopo i tre punti alle Azalee fornisce altri tre punti all’Unterland Damen. Un primo tempo giocato benissimo si chiude miseramente sull’ 1 a 1, Un secondo tempo meno lucido si chiude con la squadra troppo sbilanciata in avanti con l’intento di ottenere i tre punti e come spesso accade in questi casi subisce in contropiede il gol beffa a tempo ampiamente scaduto. Tantissime le occasioni da rete fallite specialmente nel primo tempo, ma non si può pensare che la squadra sia in  grado di mettere a segno così tante reti, se quelle  subite continuano ad essere così numerose.
Al 4’ Caneo per Cavallini che apre su Peretti  ma da buona posizione palla svirgolata; al 6’ cross di Turrini, deviazione volante di Hoffer sopra la traversa; al 9’ gran palla di Cavallini per Maselli che manca un facile aggancio; al 15’ Venturini conquista palla di forza a centrocampo, punta l’area ma invece di tirare non trova l’accordo con Caneo; al 20’ prima Bindella viene contratta in lunetta e poi Peretti spara alto; al 22’ punizione laterale da metà campo che pesca smarcatissima Rigatti a due metri dalla linea; il forte attaccante trentino non perdona; al 25’ ottimo servizio di Cavallini per Caneo che da  buona posizione non tira e serve Peretti al centro che tenta una debole rovesciata parata; al 30’ Maselli pesca Peretti che penetra in verticale, resiste al fallo e sciupa una grande occasione da pochi metri; al 33’ Peretti mette in porta Cavallini che con un pallonetto non perdona Caser; al 36’ corner dell’Unterland con colpo di testa in anticipo di Turrini sopra la traversa; al 37’ Caneo fa un numero di gran classe, stoppa palla, salta l’avversaria e smarca Cavallini in area, questa volta non brava a trovare il solito pertugio; al 40’ una bella palla per Cavallini che conclude frettolosamente da lontano invece di proseguire e su successivo cross sia Cavallni sia Caser mancano la palla che termina sul fondo.
Al 48’ c; al 51’ Bindella si incunea in area ed invece del tiro mette sulla testa di Cavallni che incredibilmente fallisce la rete di testa. Al 52’ Peretti infila per Maselli che crossa rasoterra al centro, ma il sinistro di Cavallini è troppo angolato e termina  a lato; al 64’ Faccioli a vuoto e la solita Rigatti viene chiusa molto bene dal salvataggio della Olivieri; al 75’ ancora Peretti serve Cavallini che dal limite prova un sinistro non sufficientemente potente; al 78’ grande progressione di Rizzi sulla destra che mette al centro per Maselli, ma il tiro finisce altissimo; al 82’ su corner altoatesino solito pericolo che Sossella sbroglia spazzando; al 88’ contropiede della Rigatti che trova buona opposizione da parte della Olivieri e sullo sviluppo la Turrini spara fuori da buona posizione; al 95’ ancora un contropiede che vede la Turrini crossare al centro per il comodo tap-in della Rigatti.
La posizione in classifica della Fortitudo non fornisce grandi stimoli ma l’orgoglio personale della società, dello staff tecnico e di tutte le giocatrici deve essere indirizzato verso un finale di campionato positivo. E’ un obbligo per tutti, quindi, trovare le energie mentali e fisiche per riscattare questo triplice ko partendo proprio dalla prossima gara che vedrà la Fortitudo opposta al Franciacorta, domenica 22 Marzo alle ore 15 al comunale di San Zeno.
AL VOLANTE: “Caro amico ti scrivo, così mi distraggo un po’. E poi ti saluto per sempre”.