VILLACIDRO – FORTITUDO MOZZECANE = 2 – 4
Reti: 7’ Caneo, 20’ Mattana, 30’ Cavallini, 35’ Cavallini, 40’ Caneo, 88’ Saiu
VILLACIDRO: Nurchis, Congia, Diana, Ebau, Panzali, Angius, Schiavon (38’ Casu), Cocco (58’ Boi), Ledda, Mattana, Saiu AD: Lasio, Lai, Podda All. Piga M.
FORTITUDO: Olivieri, Caliari, Welbeck, Bertolotti (79’ Rizzi), Salaorni, Sossella (74’ Mecenero), De Vincenzi (67’ Rasetti), Piovani,  Cavallini, Signori, Caneo, AD Venturini, Ivanova, Cutarelli All Manganotti
Arbitro:  Sessa M. di Civitavecchia Assistenti: –
Ammonite: Bertolotti, Caliari
Espulse: Rizzi 87’
Il talismano Giavoni (storico presidente del Ac Mozzecane) porta ancora bene; al seguito della squadra fino in Sardegna partecipa alla vittoria (prima stagionale) che le brave gialloblù riescono a portare a casa da una trasferta molto insidiosa soprattutto dal punto di vista emotivo, viste le numerose problematiche e difficoltà attraversate nell’ultimo periodo ed anche nell’ultima settimana. Proprio la Cavallini realizza una preziosa doppietta dimostrando una professionalità rara da incontrare ai nostri tempi, ma finalmente si sblocca anche la Caneo (altra doppietta) che dovrà migliorare sotto il profilo della continuità. La squadra di Manganotti ha dimostrato una netta superiorità tecnico-tattica, ha messo in atto un bel gioco sugli esterni ed è mancato solo un maggior cinismo in zona goal, necessario per chiudere la gara un po’ prima del fischio finale.
Cronaca ND
Adesso è arrivato il momento di respirare un po’, di trascorrere delle belle e serene vacanze di Natale, senza dimenticare però che alla ripresa delle ostilità (10 Gennaio) arriverà a Mozzecane la capolista, il Como di Cincotta che ha preso decisamente in mano le redini della classifica. Per fare bella figura anche contro i lariani quindi bisognerà utilizzare al meglio la pausa invernale ed attrezzarsi adeguatamente sia fisicamente che mentalmente. Un buon ritrovo x tutta la Fortitudo è fissato x mercoledì 23 Dicembre presso Casa Beniamino a Cavriana. BUONE FESTE a TUTTI.
AL VOLANTE: “Caro amico ti scrivo, così mi distraggo un po’. E poi ti saluto per sempre”.