FORTITUDO MOZZECANE – CAPRERA = 0 – 2
Reti: 7’ Leon
FORTITUDO: Venturini, Caliari, Welbeck, Rizzi (75’ Signori), Salaorni, Sossella (78’ Rasetti), De Vincenzi, Cutarelli (30’ Bertolotti),  Cavallini, Caneo, Piovani AD Terrazzani, Dellera, Ivanova, Mecenro All Manganotti
CAPRERA: Soldi, Verro, Balestri, Depalmas, Razzoli, Bruno, Grassino, Casu, Azara, Cutillo, Manno (90 Tosi) AD: Putzu, Pressi All. Pampaloni
Arbitro:  Paletta M. di Lodi Assistenti: Marai D e Tosi E di Verona
Ammonite: Azara, Casu, Balestri, Cavallini, Salaorni
Espulse:
Il risultato finale è impietoso perché la Fortitudo ha cercato di fare sua la partita, ma il Caprera senza troppa fatica si porta a casa l’intera posta grazie ad una migliore impostazione ed una maggiore lucidità. Tante recriminazioni non bastano a giustificare la sconfitta nello scontro salvezza contro le sarde; è vero che la Fortitudo ha creato almeno dieci occasioni da rete, ma tiri “veramente cattivi” dentro lo specchio della porta pochi, mentre il Caprera nelle rare sortite in contropiede aveva più determinazione. Prima del prossimo scontro salvezza in terra sarda, ragazze e staff tecnico dovranno fare un serio esame di coscienza perché appare singolare che la migliore in campo sia risultata essere la giovane primavera De Vincenzi, cioè una che invece di essere aiutata dalla squadra ha aiutato la squadra con coraggio, temperamento, idee e voglia di giocare. Sfortunato il debutto in serie B della Cutarelli, uscita dopo pochi minuti per infortunio.
Al 8’ De Vincenzi effettua un bellissimo tiro al volo dalla destra che Soldi respinge corto ma nessuna compagna approfiita dell’occasione; al 9’ Piovani affonda in solitudine sulla sx ma prende un giro largo senza concludere ne crossare; al 13’ lancio verticale improvviso del Caprera, Sossella cincischia e Manno dal limite scavalca Venturini in uscita per lo 0-1; al 15’ bella percussione della Riizzi che poi scarica sulla Cavallini ma il tiro finisce sopra la traversa; al 18’ secondo contropiede a scavalcare la difesa che innesca l’inserimento della Grassino, prima Venturini e poi Sossella chiudono bene; al 20’ da rimessa laterale De Vincenzi scarica un destro che deviato finisce sul palo esterno;  al 35’ Piovani punta Bruno riesce ad aggirarla ma il tiro è ancora sopra la traversa; al 36’ Cavallini suggerisce per De Vincenzi che penetra in area ma spara addosso al portiere; al 40’ Sossella batte lungo per Piovani che di testa gira a lato; al 42’ Piovani non si accorge che sul lato opposto arriva Caneo smarcatissima e non sfrutta l’occasione.
Al 48’ Cavallini dalla sx pennella x De Vincenzi, bel destro che Soldi respinge ancora in area piccola e nessuna arriva al tap-in; al 61’ bellissima azione corale Caneo, Piovani che gira sulla dx x De Vincenzi che purtroppo conclude malamente; al 65’ lungo cross della Sossella che Caneo controllo bene sul fronte opposto ma poi svirgola malamente; al 72’ l’occasione che poteva cambiare la partita, batti e ribatti in area con palla che finisce sui piedi della Salaorni che spara una bordata centrante in pieno la traversa da non più di 5 metri e sulla ribattuta Rizzi spara alle stelle; ancora bella triangolazione tra Caliari, De Vincenzi, Rasetti che entra in area ed appoggia indietro per Cavallini che calcia senza trovare la rete; al 83’ solito contropiede con Caliari avanzata e difesa mal disposta che Grassino conclude ancora con pallonetto sull’uscita disperata della Venturini; prima della chiusura Cavallini serve Rasetti, tiro debole che Soldi non trattiene ma ancora una volta nessuna col fiuto del goal presente.
Prima della sosta natalizia arriva la prima ed impegnativa trasferta in terra sarda per affrontare il pari classifica Villacidro, l’occasione giusta per riscattare questa prima parte di campionato povera di soddisfazioni e rilanciare le possibilità e l’entusiasmo in casa Fortitudo.
AL VOLANTE: “Caro amico ti scrivo, così mi distraggo un po’. E poi ti saluto per sempre”.
Giuseppe Boni