PRO LISSONE . FORTITUDO MOZZECANE = 2 – 9
Reti: 13’ Rasetti, 19’ Peretti, 25’ Rasetti, 39’ Cavallini, 40’ Comi, 45’ Cavallini, 51’ Cavallini, 77’ Peretti (Rig), 83’ Faccioli, 85’ Mecenero, 90’ Confalonieri
PRO LISSONE Malgrati, Redaelli, Colombo, Gresia, Grasso, Confalonieri, Tavola (46’ Recalcati), Viganò (46’ Mariani), Comi, Ghezzi, Vinci (46’ Zangari) AD: De Sanctis, Zagini, Crespi All. Poma
FORTITUDO Olivieri Pecchini (64’ Mecenero), Caliari, Faccioli, Venturini (55’ Salaorni), Caffara, Boni, Maselli, Cavallini Peretti  Rasetti (78’Rizzi) AD Begnoni, Sossella, Signori, Caneo All Pignatelli
Arbitro: Zanotti Emilio di Pavia   Assistenti Di Cataldo M Milano e Vimercati D di Busto
Ammonite:, Pecchini, Faccioli
Espulse: –
La Fortitudo ottiene la vittoria più larga della sua storia nel Nazionale. Mai aveva segnato 9 reti nel corso della stessa partita, una partita praticamente senza storia se si eccettuano i primi 15 minuti. La Pro Lissone dovrà certamente cambiare atteggiamento se vorrà salvarsi. Per la Fortitudo invece un’altra dimostrazione che l’ossatura è importante, ma purtroppo manca quel quid di mentalità nelle gare più decisive ed una maggior solidità difensiva, visto che anche oggi la squadra è riuscita ad incassare due reti, probabilmente su tre occasioni create dalle locali. Da segnalare il positivo debutto in campionato della giovanissima Olivieri (portiere classe 98).
Al 5 Maselli mette palla in mezzo per Cavallini che protegge e si gira bene, spara un bel destro ribattuto da un difensore in recupero; al 13 Boni non controlla verso la porta una gran palla ed ottiene solo un corner; dal corner spunta Rasetti che controlla bene e di punta infila l’angolino basso; al 15 Peretti mette in profondità per Cavallini che sciupa una grande occasione sull’uscita in ritardo del portiere; al 19 corner della Boni, prima girata volante della Peretti che viene ribattuta ma sulla seconda si coordina perfettamente ed effettua un tiro al volo da fuori area, di rara bellezza che si infila all’incrocio dei pali; al 22 Faccioli di testa mette in porta Cavallini che sciupa ancora malamente a tu per tu con il portiere; al 23 Faccioli in profondità per Maselli che scarica un bel tiro dal lato sinistro che si va ad incocciare sul palo interno; al 25 punizione della Peretti che mette in mezzo all’area, sulla respinta si avventa Rasetti che spara un ottimo sinistro sotto la traversa ( 0-3); al 30 Cavallini ricambia l’assist alla Faccioli che da due metri spara incredibilmente addosso al portiere; al 32 Maselli si infila di prepotenza in mezzo a tre avversarie e poi  mette al centro per Cavallini che da due passi costringe il portiere ad una respinta coi pugni; al 39’ Rasetti serve in profondità Cavallini che opportunamente prima regge l’urto del difensore e poi infila l’angolino lontano; al 40’ Caliari si lascia scappare Vinci sulla fascia che crossa al centro, ma la difesa ospite cincischia fino ad una svirgolata che serve perfettamente l’assist sul rigore alla Comi; prima del doppio fischio però Peretti trova il pertugio per Cavallini che s’incunea sulla sinistra e poi tira un diagonale che questa volta dopo il palo lungo finisce in rete.
In apertura di ripresa arriva un tiro dalla distanza della Confalonieri su cui Olivieri si distende e mette in corner; al 50’ ben servita sulla sinistra non riesce a crossare a dovere; al 51Boni non trovando sfogo appoggia indietro su Venturini che crossa al centro, buco della Gresia e Cavallini prima controlla poi ringrazia ed infine si porta a casa il pallone per la terza rete personale; al 66 Faccioli si inserisce sul filo del fuorigioco ma il suo pallonetto sul portiere si perde di poco a lato; al 68 grande azione gialloblu tra Peretti –maselli e Cavallini con quest’ultima che arriva un pelo in ritardo sulk cross; al 72 ancora una bella azione ariosa di contropiede tra Cavallini Mecenero e Maselli che rimane senza esito per un nonnulla; al 75 Mecenero fa inserire Faccioli sul cui cross Cavallini mette sopra la traversa di testa; al 77 Peretti salta anche il portiere ma è costretta a crossare costringendo Colombo al fallo di mano; Peretti trasforma il rigore di potenza; al 79 Zangari ben lanciata centralmente opera un pallonetto sull’Olivieri in uscita ma prima che la palla termini in rete, Caffara spazza; al 83 Mecenero nasconde la palla all’avversaria e poi si inventa un assist per l’inserimento della solita Faccioli che questa volta non fallisce il pallonetto dell’1-8; al 85 Peretti mette palla in profondità per Mecenero che dopo aver dribblato la diretta avversaria infila sul primo palo (prima soddisfazione stagionale); al 90 la Fortitudo concede il bis sul solito calcio d’angolo dove Confalonieri non trovando opposizione mette dentro da due passi di testa.
La scorpacciata di oggi deve essere ben presto archiviata e i piedi vanno riportati velocemente a terra. Il prossimo turno vedrà arrivare al comunale di San Zeno,  domenica 1 Febbraio alle ore 14.30, il combattivo Brixen che certamente non concederà gli spazi trovati oggi. La spettacolare vittoria di oggi verrebbe completamente vanificata nel caso di un risultato negativo. La maturità di una squadra si vede proprio in queste occasioni.
AL VOLANTE: “Caro amico ti scrivo, così mi distraggo un po’. E poi ti saluto per sempre”.