Un ritorno molto lieto in casa gialloblù: Martina Gelmetti è ufficialmente una calciatrice del ChievoVerona Women.
L’attaccante veronese, svincolata dal Como a stagione in corso, arriva a titolo definitivo, tornando così a vestire la nostra maglia a un anno e mezzo di distanza da quello che si è rivelato solo un “arrivederci”.
E Martina, anche quella volta, prima di trasferirsi al Napoli, ci aveva salutato nel modo a lei più congeniale: naturalmente con il gol.
Sono stati ben 27 in 54 presenze alla fine della sua esperienza biennale in gialloblù fra il 2017 e il 2019, stagioni in cui anche grazie al suo apporto il club con sede a Mozzecane ha frequentato sempre i piani alti della classifica della cadetteria.

Martina Gelmetti e Bruno Spozio, direttore amministrativo del ChievoVerona Women.

Un feeling naturale con il gol che la classe 1995 ha sempre dimostrato in tutte le categorie e sin da giovanissima, quando è riuscita a vincere la Serie A con l’AGSM Verona nel 2014/2015. Una gioia che la calciatrice ha saputo ripetere due stagione più tardi anche al di là delle alpi, centrando uno storico double con i successi in campionato e in coppa nazionale con la maglia degli svizzeri del Neunkirch.
Adesso per Martina è arrivata l’ora di un vero e proprio “nuovo inizio”. E non solo per via della sua seconda esperienza in gialloblù.
Nell’ultimo anno, a causa di alcuni infortuni e purtroppo anche di diagnosi più volte errate, l’attaccante è stata spesso lontana dai campi. Ma soprattutto ha vissuto qualche sofferenza di troppo, tormentata proprio dalla sfortuna e dai problemi fisici.
Una parentesi negativa che però l’attaccante ha tanta voglia di chiudere una volta per tutte con l’aiuto di un ambiente a lei familiare, come si può intuire dalla determinazione e dall’entusiasmo che si possono scorgere anche nelle sue prime parole della sua seconda vita in gialloblù.

Bentornata Martina. Cosa ti ha spinta a ripartire da questo club?

Una parte di questa società mi è restata dentro e ce l’ho a cuore, come se fosse una seconda casa. Per di più ho percepito dal club la disponibilità a rimettermi in sesto al 100% e l’enorme piacere di avermi con loro. Il Chievo sta crescendo sotto tutti i punti di vista e cura dettagli che spesso in altre società vengono tralasciati.

Quanto è grande il desiderio di riassaporare presto il campo e quanta voglia di riscatto hai dentro dopo i tanti mesi sfortunati dal punto di vista fisico?

Questi mesi mi hanno messo ad una dura prova, mi hanno fatto crescere tanto. Mi hanno insegnato a comprendere quanto è importante prima di tutto volersi bene. È stato difficile mettere da parte la voglia di giocare, ma capii che era più importante guarire. Dopo tutto questo, è come se avessi ricaricato le pile. Questo rientro lo affronto con ogni emozione che provavo quando ero piccola.

Quali sono le tue prime impressioni all’inizio di questa tua seconda esperienza in gialloblù? 

Entrando in questa società con un infortunio alle spalle, ho percepito fin da subito un’ottima organizzazione sulla fase riabilitativa post infortunio, cosa non scontata. Spero a breve che questo club riesca a puntare alla massima serie. 

Con questa maglia hai vissuto due stagioni splendide a livello personale, nel corso delle quali sei stata sempre protagonista con tanti gol. Qual è il ricordo più bello legato a quegli anni?

Non c’è un ricordo preciso, ma tengo ben a mente la forza del gruppo che avevamo. Se sono riuscita a togliermi certe soddisfazioni personali è stato tanto merito anche di questo.

Sei giovane, ma hai già tanta esperienza, anche grazie alla fortunata avventura in Svizzera. Cosa ti porti ancora oggi di quel periodo?

Dalla Svizzera porto ancora con me la consapevolezza che nonostante la mia statura posso comunque giocarmela sul piano fisico. È stata la svolta per me, lì ho capito che il calcio è la mia vita.

Insieme a Boni, Zanoletti, Prost e Carraro ti aggiungi all’elenco di calciatrici in rosa “scudettate”. La vostra presenza può essere decisiva per trasferire a un gruppo molto giovane una mentalità vincente?

L’unica cosa che mi sento di dire è che per avere una mentalità vincente bisogna iniziare dagli allenamenti…Perdere in una semplice partitella deve far pensare.

Hai avuto modo di seguire il Chievo Women anche da lontano? Secondo te dove può arrivare questa squadra?

Ho sempre seguito questa squadra, nonostante la distanza, perché appunto sono molto legata. Sono certa che questa squadra ha i mezzi per fare più che bene…Forse deve solo esserne più consapevole.

In Serie B hai una media gol molto alta, 1 rete ogni 2 partite. In alcuni match al Chievo è mancata proprio la concretezza in fase realizzativa, il tuo obiettivo è quello di migliorarla?

Il mio obiettivo è poter aiutare la squadra il più possibile e in qualsiasi modo.

Cosa ti aspetti e cosa ti auguri in questa seconda avventura in gialloblù?

Mi auguro di rientrare in campo al meglio e di poter dare una mano alle mie compagne. Mi aspetto mesi ricchi di entusiasmo e voglia di far punti, per far vedere che questa squadra non merita di essere lì in classifica.

Vuoi fare un saluto ai tifosi del ChievoVerona Women?

Ciao a tutti, ho ancora il “cuore matto” come voi!

 

Ufficio Stampa – ChievoVerona Women F.M.

Facebook: Chievo Verona Women F.M. 
Instagram: chievoveronawomenfm
Twitter: @ChievoWomen
YouTube: Chievo Verona Women F.M.