Chievo Fortitudo Women – Juventus 0-9

Chievo Fortitudo Women: Magalini, Faccio, Rigon, Zappa, Malvezzi (20’st Schenato), Bernardi, Croin (1’st. Bottigliero S.), Cigolini (27′ st. Menegazzi), Sartori (27′ st. Marcomini), Mele (8′ st. Bonotto) , Zoetti.

A disposizione: Ferrarini, Mazzi, Rebecchi, Pachera.

Allenatori: Crestani, Carazzato.

Juventus: Soggiu, Airola, Giordano (10′ st Toniolo), Giai, Masu, Caiazzo, Berti (33′ st Eletto), Silvioni (22′ st. Accornero), Arcangeli (10′ st Distefano), Bellucci, Bragonzi.

A disposizione: Serafino, Marino, Carrer, Accornero, Sciberras, Distefano, Toniolo, Eletto, Beccari.

Allenatori: Spugna, Ulderico.

 

Partita decisamente impegnativa per la nostra Primavera, che domenica è scesa in campo contro la Juventus, squadra che, con punteggio pieno e con una differenza reti spaventosa, si è già dimostrata la capolista indiscussa del girone. Confrontarsi con avversari di alto livello è comunque un forte stimolo per migliorarsi.

La prima azione interessante della partita la crea proprio la Fortitudo innescando Croin sulla fascia. La nostra ala brucia il terzino in marcatura e punta la porta, ma il portiere è ben posizionato e respinge il tiro dalla tre quarti.La Juve si fa viva dopo una decina di minuti, Bellucci sfrutta un buco lasciato nella zona centrale per infilarsi palla al piede, scarta il portiere con finta e appoggia in porta per l’1-0.

Il Chievo Fortitudo Women, fin qui, aveva contenuto bene il giro palla monocolore juventino, ma regala al 22’ il secondo gol con un’ingenuità nelle retrovie: nel giro palla il nostro terzino sbaglia il retropassaggio al Portiere, Bellucci ne approfitta per rubare palla e segnare indisturbata. Passano pochi minuti e al 26’ Juventus triplica con Silvioni, che, in posizione al limite del fuorigioco, si inserisce nello spazio lasciato dai centrali, scarta portiere e difensore a mette in porta.

Le gialloblù, quindi, si chiudono a riccio in difesa, alla caccia di un errore della Juventus per ripartire in contropiede.

Con un risultato ormai quasi blindato, nella ripresa le Clivensi rientrano in campo comunque con la voglia di combattere, ma un approccio ancora troppo superficiale nella fase di disimpegno regala palla, nella rimessa da fondo del portiere, alla 11 Bianconera Bragonzi, che con freddezza punta la porta e mette a segno lo 0-5. Al 9’ Juve torna in gol con la numero 9, Arcangeli, che dalla tre quarti sx rientra centralmente e calcia a giro sotto la traversa. 20’ spizzicata su punizione della numero 6, Caiazzo, di testa che scavalca il portiere. Fortitudo in blackout e al 21’ Bragonzi torna in rete con un potente tiro defilato (0-8). Chiude alla mezzora, con un calcio di rigore, il tabellino.

Nonostante il pesante risultato, va comunque riconosciuto l’impegno e la grinta messa in campo dalle e gialloblù, ora testa alla prossima partita contro la Novese.