La Primavera della Fortitudo ha concluso il proprio ritiro in una località del Lago di Garda, lavorando in questi tre giorni con impegno per gettare le basi per la stagione 2014/2015. L’obiettivo è quello di migliorarsi e alzare l’asticella dei propri risultati. La squadra guidata dall’allenatore Pignatelli e dai suoi collaboratori Mimmo e Angelo, ha svolto degli allenamenti impegnativi e faticosi, ma che serviranno in futuro, e quindi chi ben comincia è a metà dell’opera.
Il campo ospitante si trovava in un bel contesto, ai piedi delle montagne veronesi. Le sedute di allenamento erano suddivise in tre parti: resistenza, tecnica e tattica. Inoltre le ragazze hanno riprodotto sul campo alcune situazioni di gioco e si sono mosse bene, sotto la guida e l’incitamento dello staff.
Questo week-end è servito anche per far amalgamare tutto il gruppo, stando insieme, allenandosi e divertendosi.
Si sono svolte anche delle riunioni tecniche, prima e dopo gli allenamenti, nelle quali gli allenatori hanno comunicato alle ragazze le direttive e le linee-guida da seguire nel corso dell’intera stagione.
Questo, un riassunto delle parole del mister Pignatelli: “Le basi da cui partire sono: il lavoro, l’unione del gruppo, l’impegno e la mentalità vincente. Altro fattore costruttivo è il dialogo tra la società, lo staff tecnico e le ragazze, che aiuterà a superare le eventuali difficoltà che potrebbero verificarsi durante il campionato”.
All’interno di una delle riunioni, le atlete hanno riconfermato come capitano Marta Franchini.
Questi tre giorni hanno dimostrato che stando unite si risolvono molte difficoltà, le ragazze sono state entusiaste dell’esperienza e adesso sarà il campo a dire dove questa squadra potrà arrivare.
Un grande ringraziamento va a tutto lo staff tecnico e ai dirigenti per l’impegno e l’entusiasmo con cui hanno accompagnato e seguito tutta la squadra.
AL VOLANTE: “Caro amico ti scrivo, così mi distraggo un po’. E poi ti saluto per
sempre”.