FORTITUDO MOZZECANE-CLARENTIA TRENTO 1-1

Fortitudo Mozzecane: Olivieri, Sossella, Welbeck, Dal Molin, Salaorni, Caliari, Peretti, Piovani, Caneo (24’ st Pecchini), De Vincenzi, Rasetti (1’ st Martani). All: Comin

Clarentia Trento: Valzogher, Busarello, Ruaben, Torresani, Lenzi, Pellegrini, Tomaselli, Zappini, Tonelli, Rosa, Brunelli (10’ st Dauriz). All: Gadda

Arbitro: Grimaldi di Genova. Assistenti: Barbuscio e Valerio di Verona

Reti: 26’ pt Tomaselli (CT), 38’ st Martani (FM)

Note: ammonite Piovani (FM), Busarello e Lenzi (CT); 46’ st espulsa Sossella per doppia ammonizione (FM); recuperi: 1+2

 

L’incornata di Martani riacciuffa il Clarentia Trento. E la Fortitudo Mozzecane strappa il settimo pareggio del suo campionato, il quarto tra le mura amiche e il secondo consecutivo dopo il 2-2 con l’Azalee. La battaglia sotto pioggia e vento a San Zeno di Mozzecane termina 1-1, le ragazze di mister Comin lottano nel fango e reagiscono con orgoglio allo svantaggio iniziale. Anche se, in virtù degli altri risultati, le gialloblù scivolano al nono posto in classifica, non sfruttando l’occasione di «mangiare» punti alle formazioni a ridosso delle prime posizioni. Proprio come il Clarentia Trento, sesto.

Comin conferma il 4-2-3-1 di Gallarate e Rasetti attaccante centrale, proponendo Peretti trequartista alle sue spalle, Sossella terzino destro e rimettendo titolare Welbeck sull’esterno basso di sinistra. L’inizio di partita, però, è di marca trentina: al 10’ Brunelli entra in area dalla sinistra, calcia a botta sicura ma Olivieri respinge, e al 13’ Rosa serve in profondità ancora Brunelli che corre verso la porta, l’estremo difensore gialloblù esce fuori dall’area, però la conclusione della numero 11 ospite termina sul fondo.

Scampato il pericolo, la Fortitudo si fa vedere in avanti: al 19’ il sinistro di Salaorni dal limite viene alzato in angolo da Valzogher e dagli sviluppi del corner, battuto da Dal Molin, è di nuovo il capitano scaligero a rendersi pericoloso, sbucando sul secondo palo e colpendo la palla di testa, senza però inquadrare lo specchio.

Poco dopo, il Clarentia Trento torna a farsi minaccioso: al 22’ il passaggio filtrante di Rosa mette Tomaselli da sola davanti ad Olivieri, ma il portiere è ancora super e para il tiro. Il gol, tuttavia, è nell’aria e arriva al 26’: Tomaselli coglie impreparata la retroguardia di casa, raccoglie un lancio in profondità, salta Olivieri in area e con il sinistro appoggia in rete lo 0-1.

La formazione trentina non si accontenta e va vicino al raddoppio: al 35’ l’estremo difensore gialloblù prima si allunga e devia la conclusione da fuori di Torresani, poi respinge con i piedi il destro a due passi dalla porta di Zappini.

Dall’altra parte, il Mozzecane prova a pungere al 42’ con la punizione dai venti metri di Peretti, però la conclusione è centrale ed è facile preda di Valzogher.

La pioggia e il vento non danno tregua. La partita diventa una battaglia tra fango e acqua. A inizio ripresa, Comin manda subito in campo Martani, al posto di Rasetti, ridisegnando il tridente offensivo: Caneo al centro, Martani a destra e De Vincenzi a sinistra.

La Fortitudo cerca così di recuperare lo svantaggio: tra il 5’ e il 7’ Sossella tenta due volte il tiro dai 25 metri, ma senza fortuna; al 23’, invece, è il turno di Piovani: il suo destro dal limite, però, finisce a lato.

Nel frattempo, il Clarentia Trento va a un passo dallo 0-2: al 18’ la neoentrata Dauriz (per Brunelli) lavora palla sulla trequarti, serve Zappini che si presenta in area e calcia alto, disturbata anche dalla scivolata di rientro di Caliari.

Al 24’ il tecnico gialloblù toglie Caneo e fa debuttare nel campionato 2016/17 Pecchini, rientrata da un’esperienza di studio in Olanda, schierandola vertice basso del centrocampo e spostando Piovani attaccante centrale. E al 35’ è proprio la rientrante veterana Fortitudo (128 presenze tra A e A2/B) a rendersi insidiosa: Sossella batte una rimessa laterale in area, Martani addomestica la sfera, la passa a Pecchini che calcia al volo non centrando di poco lo specchio.

Il Mozzecane lotta con orgoglio e trova il pari a sette minuti dal termine: al 38’il cross di De Vincenzi dalla sinistra pesca Martani al centro dell’area che ruba il tempo al difensore, colpisce il pallone di testa e sorprende l’immobile Valzogher (1-1). Trascorrono centoventi secondi e le padrone di casa sfiorano la rimonta: al 40’ Martani dà palla al limite a Peretti che prova la conclusione, ma il portiere ospite blocca.

Nel finale, precisamente al 46’, c’è da registrare l’espulsione per doppia ammonizione di Sossella: il difensore della Fortitudo, già ammonita, commette fallo in ritardo su Tonelli e l’arbitro estrare il secondo «giallo» nonché il conseguente «rosso».

 

Matteo Sambugaro

Foto: Graziano Zanetti Fotography

Copyright © Tutti i diritti riservati