H&D Chievo Women

logo h&d chievo women

In questo sabato pre pasquale è andata in scena la 23 giornata di serie b con la partita fra il Tavagnacco Femminile e l’H&D Chievo Women. Padrone di casa penultime in classifica ferme a quota 12 punti con il disperato bisogno di vincere per provare a sperare nella salvezza nel finale di stagione, mentre le ragazze di Ulderici vogliono dare continuità allo splendido periodo di forma.

PRIMO TEMPO

Il Chievo prende subito in mano il controllo delle operazioni incominciando con il solito possesso palla a muovere gli avversari, ma il Tavagnacco non rimane a guardare e porta un pressing alto che obbliga le clivensi ad effettuare lanci lunghi spesso imprecisi. Quando l’H&D Chievo Women riesce a saltare la prima pressione avversaria pecca di lucidità nell’ultimo passaggio, in particolare sulla fascia sinistra Marengoni Pizzolato non riescono a trovare i tempi giusti per scardinare la difesa delle padrone di casa. Le ospiti hanno comunque il baricentro alto che porta alla riconquista immediata del pallone e le attaccanti del Tavagnacco devono abbassarsi sulla metà campo per trovare palloni giocabili, ma sono sempre spalle alla porta e ben contenute da BarroTonelli. La partita si sviluppa su ritmi gradevoli pur rimanendo molto tattica: le due squadre sono attente a non concedere spazi e quando perdono palla sono abili e veloci a rientrare a protezione della propria porta. Il Chievo nella prima mezz’ora è però meno brillante rispetto alle ultime uscite e commette troppi errori e anche per questo latitano le emozioni. Ketis ( fresca di convocazione da parte della nazionale slovena ) detta i tempi delle uscite ed è come sempre abile nel trovare i corridoi giuste per le compagne che però non riescono a rendersi pericolose, Picchi si vede poco e Pizzolato non ha occasioni per mettere in mostra la propria velocità. I primi segnali arrivano da Begal che prima non riesce a colpire bene un pallone in area e poco dopo lascia partire un tiro rasoterra che non finisce lontano dal palo. L’esterna si fa vedere anche per una serie di dribbling a centrocampo che portano al fischio di un fallo, Ketis è intelligente nel battere velocemente il calcio di punizione e trova libera Landa sulla fascia sinistra al limite dell’area di rigore, la numero 9 salta la diretta marcatrice convergendo verso il centro e dopo un paio di finte fa partire un sinistro radente imprendibile per il portiere avversario. L’H&D Chievo Women si porta dunque in vantaggio al primo vero affondo della gara. I minuti finali del primo tempo sono contrassegnati dalla vivacità di Begal che prova altre due volte la conclusione ma senza precisione.

SECONDO TEMPO

Nella seconda frazione di gioco si assiste al festival del gol: saltano gli schemi e la qualità offensiva della squadra di Ulderici emerge in tutta la sua forza e bellezza. Le gialloblù trovano ben presto il raddoppio con ancora una scatenata Landa che sale a quota 13 in questo campionato, di cui 6 nelle ultime due partite: passaggio in profondità di Pizzolato, errore di valutazione della difesa del Tavagnacco che lascia passare la sfera che giunge alla classe 2001, la quale, sola davanti al portiere, non sbaglia. Dopo aver trovato il secondo gol il Chievo gestisce i ritmi con più serenità e appare in controllo. Ma il Tavagnacco ci prova con orgoglio e va molto vicino ad accorciare le distanze con un tiro dalla traiettoria beffarda di Novelli che si stampa sulla traversa. L’H&D Chievo Women percepisce il pericolo e si riversa in avanti con continuità: Landa si abbassa e distribuisce palloni con eleganza, da un lavoro della numero 9 il Chievo trova spazio con Marengoni la quale mette in mezzo per Picchi la cui conclusione di testa viene respinta in angolo. Il calcio d’angolo viene battuto corto con uno scambio ravvicinato fra Landa e Merli, l’attaccante innesca la compagna con un colpo di tacco, Merli si incunea in area di rigore e col piattone a giro trova l’angolo lontano. Altro gol di pregevole fattura per le ragazze di Ulderici che a questo punto vedono il traguardo vicino. Ma la partita è ancora lunga e il Tavagnacco non demorde trovando la rete che riporta in partita la squadra di casa: su un campanile in area di rigore Polonio ( fino a questo momento impegnata una sola volta con una parata in due tempi su un tiro centrale ) viene ingannata dal rimbalzo su un terreno di gioco non in perfette condizioni e dopo una serie di rimpalli la palla termina in rete, toccata per l’ultima volta da Barro. Ma l’H&D Chievo Women non subisce il contraccolpo e continua a sviluppare la propria trama. Inizia così l’ultimo quarto d’ora di monologo da parte delle clivensi, che è un inno al calcio per qualità ed intensità mostrate: in un pomeriggio fino a questo punto abbastanza complesso Picchi centra la traversa e sulla ribattuta la più lesta ad avventarsi sul pallone è la neoentrata Bercelli che viene sgambettata e si guadagna calcio di rigore. Dal dischetto si presenta Picchi che la piazza all’incrocio dei pali e inizia il proprio personale show. Un minuto dopo Begal colpisce il palo su un grande contropiede manovrato alla perfezione da Bercelli. A nove dalla fine arriva la doppietta per la numero 18: ancora un’altra iniziativa di una scatenata Bercelli che dalla sinistra mette in mezzo un pallone basso che viene girato di prima intenzione in porta da Picchi. Poco dopo la bomber veronese va ancora a segno centrando la tripletta in soli sette minuti: Poli, entrata in maniera eccellente, crossa dalla fascia destra e trova al centro dell’area la compagna che non sbaglia. C’è ancora tempo per un’altra occasione con un passaggio illuminante di Landa per Bercelli che si fa murare il tiro. Cala il sipario sulla partita con una punizione alta di Landa: per la seconda gara consecutiva l’H&D Chievo Women segna sei gol e dà continuità ad un periodo di forma straripante.

 

Dunque la squadra di Ulderici non si ferma più e sogna in grande. Con i tre punti odierni ottiene la matematica salvezza ma le prestazioni della squadra permettono di essere molto più ambiziosi. Il Chievo ha trovato anche oggi la giusta chiave per venire a capo di una partita che, soprattutto nella prima mezz’ora, non era stata per nulla semplice. Oggi Ulderici è stato perfetto nella lettura della gara e nei cambi: in seguito al gol del Tavagnacco ha fatto entrare Bercelli che ha sconquassato la linea difensiva delle padrone di casa guadagnandosi il calcio di rigore e fornendo il passaggio decisivo per il secondo gol di Picchi e poco dopo è entrata Poli che ha regalato l’assist per l’ultimo gol di Picchi. Le prestazioni delle subentrate sono sintomo della totale unità di intenti che regna all’interno della squadra e dell’inclusione di tutte le giocatrici nel progetto. Da sottolineare un’altra volta le prove di Landa e Picchi che trovano la via del gol con estrema facilità e salgono a quota 13 centri ciascuna. Ad impressionare è anche la fame delle gialloblù: al novantaduesimo si sono contraddistinte per una pressione feroce, a risultato ormai ampiamente acquisito, sul portiere avversario e l’hanno costretto a mettere la palla in angolo. L’H&D Chievo Women si regala così una Pasqua felice e va alla sosta per le nazionali con un quinto posto in classifica più che mai meritato.

TABELLINO

TAVAGNACCO FEMMINILE- H&D CHIEVO WOMEN 1-6

Landa ( 32′ pt, 5′ st ), Merli ( 26′ st ), Barro ( autogol, 30′ st ), Picchi ( 34′, 36′, 40′ st )

TAVAGNACCO FEMMINILE: Sattolo; Peressotti; Novelli; Donda; Cacciamali; Demaio; Weithofer; Magni; Casellato; Bortolin; Novelli

A disposizione: Dorbolo; Papagna; Gashi; Lakovic; Moroso; Maroni; Minutello; Lazzara; Desiati

Allenatore: Campi Alessandro

H&D CHIEVO WOMEN: Polonio; Saggion ( Pasquali 40′ st ); Tonelli; Ketis; Merli ( Bercelli 28′ st ); Landa; Pizzolato ( Rosolen 37′ st ); Begal ( Poli 37′ st ); Picchi ( Zannini 40′ st ); Barro; Marengoni

A disposizione: Congia; Bercelli; Zannini; Poli; Peddio; Pasquali; Rosolen; Trevisan; Soggiu

Allenatore: Ulderici Fabio

Arbitro: Manuel Marchetti

Assistenti: Lorenzo Jacopo Cattaneo; Andrea Perrella