H&D Chievo Women

logo h&d chievo women

 

L’H&D Chievo Women affronta il Cesena nella 25 giornata di serie b. La squadra di Ulderici prova a reagire dopo il passo falso contro la capolista Lazio di domenica scorsa e si trova di fronte una trasferta complicata contro la terza in classifica.

 

PRIMO TEMPO

Le padrone di casa cercano di spingere fin da subito e il Chievo fa fatica ad imbastire azioni pericolose. Alla prima vera occasione si sblocca la partita e al 7° minuto il Cesena passa in vantaggio: bella azione di Tamborini che sulla fascia destra salta in velocità Micciarelli e mette in mezzo un pallone solo da spingere in porta per Milan. Dunque l’H&D Chievo Women si ritrova sotto dopo pochi minuti e pare in confusione non riuscendo ad organizzare una trama offensiva degna di nota. Il Cesena prova a controllare i ritmi gestendo il pallone ma il Chievo si accende improvvisamente e trova il gol del pareggio dopo un grande doppio scambio tra Picchi e Landa con quest’ultima che fa partire un traversone basso sul quale è abile ad avventarsi Begal che, praticamente sulla linea di porta, mette dentro il suo 6° gol in questo campionato. Il Cesena subisce il contraccolpo psicologico e le gialloblù provano a sfruttare il momento favorevole: giocata di fino di Landa che si gira su stessa saltando Lonati e da una trentina di metri scarica una gran botta che si infrange sulla traversa. Si tratta di un’avvisaglia di quanto avviene poco dopo: grande azione corale dell’H&D Chievo Women e Merli ha l’intelligenza di infilarsi nel buco centrale lasciato dal Cesena, mette in mezzo il pallone che viene mancato da Begal favorendo però l’intervento di Picchi sul secondo palo che a porta spalancata non può fallire e si regala il 14° centro stagionale in occasione del suo trentaduesimo compleanno. In pochi minuti s’è completamente stravolta la partita e ora sono le padrone di casa che devono inseguire. Dopo i primi venti minuti colmi di emozioni i ritmi si stabilizzano e la partita diventa equilibrata, giocata soprattutto a centrocampo; il Cesena prova a rendersi pericoloso da palla inattiva ma la difesa clivense fa buona guardia, in particolare Landa si rende utile a sventare la minaccia su un paio di calci d’angoli insidiosi. Nel finale di tempo il Cesena torna a bussare, prima con Tamborini, che da dentro l’area spedisce alto, e poi con Jansen che di testa non impatta bene. La prima frazione di gioco si chiude col Chievo in vantaggio per 2 a 1.

 

SECONDO TEMPO

Nella prima mezzora del secondo tempo è un monologo del Cesena che chiude l’H&D Chievo Women nella propria metà campo portando una costante pressione. Dopo 8 minuti arriva il pareggio con il gol di Tamborini che si ritrova sola davanti a Soggiu dopo qualche rimpallo in area. Le romagnole continuano ad attaccare e sfiorano la rete al termine di una grande azione di una scatenata Tamborini che arriva sul fondo e scodella un pallone in mezzo che Milan, lasciata completamente libera in area, non riesce a mettere dentro di testa. Ma il nuovo vantaggio della squadra di casa arriva poco dopo: situazione rocambolesca in area del Chievo, la palla non viene rinviata, Jansen vince un contrasto e di destro segna da distanza ravvicinata. La squadra di Ulderici non riesce a reagire e sembra essere all’angolo: Lonati mette il turbo sulla destra e va via a Pizzolato che si aggrappa alla maglietta dell’avversaria causando il calcio di rigore. Sul dischetto si presenta Tamborini che con calma glaciale spiazza Soggiu per il gol del 4 a 2 che parrebbe archiviare la pratica: nella seconda frazione di gioco il Chievo deve ancora riuscire a calciare verso la porta e fatica ad uscire dalla propria metà campo. La partita si trascina verso il 90° senza altre particolari emozioni ma nel penultimo dei 6 minuti di recupero concessi si riapre tutto all’improvviso: Pizzolato fa partire un traversone perfetto che Picchi raccoglie e tramuta in gol. Gli ultimi istanti di gara sono caotici e il Chievo non sfrutta a dovere un paio di ripartenze che avrebbero portare il risultato su un clamoroso pareggio. Finisce 4 a 3 per il Cesena che risponde alla Ternana e rimane aggrappato al treno che può portare al sogno della promozione in serie A.

 

Seconda sconfitta consecutiva per l’H&D Chievo Women che in una settimana perde contro la prima e la terza della graduatoria dopo avere centrato quattro successi di fila. Nel primo tempo la squadra di Ulderici ha dimostrato ancora una volta la bontà del progetto reagendo all’immediato svantaggio con forza mentale e qualità: le azioni che portano ai due gol sono di pregevole fattura e condotte con movimenti codificati. Nel secondo tempo si è verificato un evidente calo della prestazione e le gialloblù si sono fatte schiacciare dal Cesena senza riuscire a ribattere i colpi incassati, ma la reazione quasi disperata nel finale lascia, nonostante il risultato, sensazioni positive per i prossimi impegni. Il Chievo dovrà ripartire dalla reazione d’orgoglio degli ultimi minuti per riagguantare il 5° posto in classifica che rappresenterebbe un traguardo importante per una squadra così giovane.

MVP

Roberta Picchi: arriva a 15 centri stagionali e in area è una sentenza. Meno nel vivo del gioco rispetto al solito anche a causa della costante pressione avversaria ma svolge un lavoro di qualità spalle alla porta: bel duetto con Landa nello sviluppo dell’azione che porta al gol di Begal. Nel giorno del suo compleanno si regala una doppietta che, suo malgrado, non porta punti ma è l’ultima ad arrendersi e guida l’assalto finale. Capitana.

TABELLINO

CESENA-H&D CHIEVO WOMEN 4-3

7′ pt Milan, 12′ pt Begal, 19′ pt Picchi, 8′ st Tamborini, 21′ st Jansen, 28′ st Tamborini, 49′ st Picchi

CESENA: Serafino; Risina; Dauria; Casadei; Lonati; Tamborini; Groff; Milan; Catelli; Cuciniello; Jansen.

A disposizione: Marchetti; Nano; Galli; Amaduzzi; Mak; Conti; Lamti; Sechi; Calegari.

Allenatore: Conte Alain

CHIEVO: Soggiu; Micciarelli ( Tonelli 20′ st ); Saggion; Ketis; Merli ( Zannini 32′ st ); Landa; Pizzolato; Begal ( Montemezzo 15′ st ); Picchi; Barro ( Congia 32′ st ); Marengoni ( Trevisan 20′ st ).

A disposizione: Congia; Tonelli; Zannini; Polonio; Poli; Montemezzo; Peddio; Pasquali; Trevisan.

Allenatore: Ulderici Fabio

Arbitro: Marco Mammoli di Perugia

Assistenti: Andrea Aureli; Alberto D’Ovidio.