Prima gara del 2021 per il ChievoVerona Women, che fa visita alla capolista Como per il recupero della 7^ giornata di campionato.
Quella contro i lombardi è la prima di due gare molto importanti per la squadra gialloblù, che fra soli tre giorni affronterà anche la Lazio, altra candidata ai primissimi posti della categoria.
Nell’ultimo turno disputato le ragazze di mister Dalla Pozza hanno pareggiato in quel di Vicenza.

PRIMO TEMPO: 

Il primo squillo della partita è di Distefano, all’esordio assoluto in Serie B e con la maglia del Chievo. Tiro dell’attaccante di proprietà della Juve, controllato però senza problemi da Russo.

Vantaggio Como – Alla prima iniziativa offensiva dell’incontro, i padroni di casa passano in vantaggio. Azione manovrata sulla destra, cross dal fondo e stacco imponente di Ferrario. L’attaccante anticipa la difesa clivense di testa e sulla traiettoria angolata Magalini non riesce ad arrivare.

Tanti contrasti in mezzo al campo, il Chievo prova a regire lottando su ogni pallone, ma nella prima mezz’ora lo sforzo della formazione di Dalla Pozza non si traduce in occasioni di gol degne di nota. Manca la precisione negli ultimi trenta metri.

Raddoppio lombardo – Il Como crea pericoli ancora una volta sulla corsia destra. Al 31′ Vivirito elude con una finta l’intervento di un’avversaria e calcia in porta da lontano, firmando il 2-0 per i padroni di casa.

Pochi minuti dopo il doppio vantaggio, i gialloblù ci provano con un tiro dalla distanza di Prost, bloccato dall’estremo difensore del Como. I lombardi rispondono due volte con Franco, che di testa prova a impensierire Magalini, ma la giovanissima clivense è attenta in entrambe le occasioni.

Palo Zanoletti – Sul finire del primo tempo Chievo vicinissimo al gol. Punizione dal limite affidata alla botta violenta di Stefania Zanoletti, che colpisce il palo. Portiere comasco graziato anche dalla ribatutta: dopo aver preso il legno la sfera sbatte sul suo corpo, ma finisce a lato invece che in porta.

L’ultimo sussulto della prima frazione è proprio della numero 27 gialloblù, si va negli spogliatoi con il doppio vantaggio dei padroni di casa.

SECONDO TEMPO: 

Dalla Pozza prova a cambiare la partita con un cambio tattico e due sostituzioni, con gli ingressi di Salaorni e Martani. E’ proprio quest’ultima a farsi pericolosa nei primissimi minuti del secondo tempo: percussione della numero 9 che arriva di fronte la porta e serve Distefano, ma il difensore del Como salva provvidenzialmente in scivolata e anticipa l’ex Juve.

Tris Como – E’ ancora la squadra di casa, però, ha trovare la gioia del gol. Grande giocata sulla destra di Rognoni, che salta l’avversaria e crossa in mezzo di esterno. Ferrario arriva ancora una volta prima di tutte di testa e firma la doppietta personale e il 3-0.

Il Chievo prova a reagire per tentare almeno ad accorciare le distanze con Tardini, ma il suo destro finisce a lato. Succede molto poco nella seconda metà della ripresa, con le locali che si limitano a gestire la gara, mentre le clivensi faticano a rendersi pericolose. All’82’ ci prova Mascanzoni servita da Martani, ma la sua girata è troppo debole e si perde tra le mani del portiere.

Non succede più nulla fino al fischio finale. Termina così la gara, con il Chievo che esce sconfitto per 3-0 dal campo della capolista. Ci hanno provato le ragazze di mister Dalla Pozza, senza però riuscire a creare grossi pericoli per la porta di Russo, se si escludono alcune potenziali occasioni sciupate e soprattutto il palo di Zanoletti, che avrebbe potuto riaprire la partita.
Adesso è tempo di riordinare le idee, perché il campionato non si ferma per le gialloblù.
Si torna sul rettangolo verde già fra tre giorni, con la partita casalinga da giocare contro la Lazio. Un’altra sfida molto ostica in cui ci sarà da lottare per tornare a fare punti e allontanare la parte bassa della classifica.

Il tabellino della gara

Como Women (3): Russo; Dubini, Varriale (63′ Roventi), Cascarano, Franco; Ambrosetti, Fusar, Vivirito; Cama (63′ Hansen), Ferrario, Rognoni (82′ Gomez),

CHIEVO WOMEN (0): Magalini; Pecchini, Zanoletti, Tunoaia, Mele (46′ Salaorni); Tardini, Prost, Carraro; Dallagiacoma (76′ Mascanzoni), Distefano (85′ Bonfante), Botti (46′ Martani).

Marcatori: 9′ e 55′ Ferrario (C), 31′ Vivirito (C)

Ammoniti: Dubini (C); Roventi (C)