TRADATE . FORTITUDO MOZZECANE = 0 – 1
Reti: 27’ Cavalllini
TRADATE: Ventura, Vitale, Meroni, Stefanazzi, Vestito (62’ Moroni), Ferrario, Previtali, Peccina, Gritti, Di Lascio, Bertolasi (75’ Minaudo) AD:Moro, Labanca,  Passarelli, Chiea, Tovaglieri All.Rivola
FORTITUDO: Olivieri  Pecchini, Caliari (85’ Mecenero), Venturini, ,Faccioli, Sossella, Rizzi (60’ Smith), Signori, )76’ Caffara), Cavallini Peretti  Rasetti AD Begnoni, Caffara, Sossella All Pignatelli
Arbitro: De Leo di Molfetta    Assistenti: Stocco di Seregno e Francavilla di Gallarate
Ammonite:, Stefanazzi
Dall’ultima partita di campionato tra due squadre senza nessun obiettivo concreto di classifica non ci si poteva aspettare molto di più. Il Tradate ha dimostrato di essere in disarmo e la Fortitudo ha avuto il difetto di fallire troppe occasioni da rete lasciando in equilibrio il risultato fino al 90’. Normalmente queste partite o si perdono o si pareggiano e quindi il lato positivo deriva dal fatto che finalmente la difesa non ha subito nemmeno un gol, dando valore all’unica rete segnata. Cavallini stabilisce il suo record di segnature e la Fortitudo termina il campionato senza nemmeno un cartellino rosso e senza nemmeno una giornata di squalifica. Altro dato significativo esce dal fatto che la formazione veronese non è riuscita a segnare reti solo in una occasione: prima gara di campionato a Bolzano contro il Sudtirol.
Pronti via, Peretti cambia fronte da destra a sinistra, Rasetti non controlla bene ma subito dopo si riscatta subito dopo con un sombrero sul difensore e spara un destro che incoccia la traversa, sulla ribattuta si avventa Cavallini ma il colpo di testa è debole e viene parato dalla Ventura; al 12’ Peretti infila bene per Rizzi che però si allunga troppo la palla e quindi il portiere riesce ad allontanare l’azione, la stessa Rizzi riprende palla e crossa al centro per Rasetti che non fa centro a porta sguarnita, nuovo assist della Rizzi e Peretti sbaglia un rigore in movimento; al 27’ Venturini pesca magistralmente Cavallini con un bel taglio e la numero 9 gialloblu timbra il 25° centro stagionale (record) col solito preciso pallonetto sull’uscita del portiere; al 38’ ancora Peretti cambia gioco trovando l’affondo della Rasetti che insolitamente non mantiene la dovuta velocità e viene rimontata sul più bello; dal corner successivo la palla cade sui piedi della Cavallini, sembra gol fatto ed invece un difensore ribatte miracolosamente sulla linea_;al 41 ’ si vede il Tradate con un bel cross della Gritti dalla destra sul quale piomba dalla parte opposta Peccina  che accompagna la palla fuori; al 44’ in contropiede la Peretti sceglie il tiro da lontano invece che affondare in solitudine verso il portiere avversario
In avvio di ripresa bella palla a scavalcare  vuota ma incredibilmente ne scaturisce solo un corner.  Caliari che pesca bene Ferrario dentro l’area ma il suo pallonetto sull’uscita dell’Olivieri non imita quello della Cavallini; al 50’ Olivieri chiama inopportunamente palla a Pecchini ma si intrufola la Vestito che fallisce una clamorosa occasione calciando a lato; al 65’ si esaurisce il buon momento del Tradate con una cannonata dal vertice di Previtali ben deviata dalla Olivieri; al 68’ gran numero difensivo di Smith che poi si distende sulla fascia servendo Peretti, la quale mette al centro una bella palla per Cavallini che evitato il difensore non riesce a scavalcare il portiere in uscita; al 74’ Cavallini ruba palla e serve Peretti sulla destra, bel cross al centro che purtroppo arriva sul piede sbagliato della Caliari il cui tiro sbatte sull’unico difensore rimasto; al 78’ ancora Peretti sulla destra pesca Caliari sulla sinistra che non trova il tempo per tirare e poi effettua un retropassaggio che fa sfumare l’azione; al 82’ doppio scambio tra Peretti e Caliari che porta al servizio su Rasetti che prova il tiro invece di aprire sulle due compagne libere; al 84’ Rasetti nei grandi spazi lasciati potrebbe affondare verso la porta ma non riesce a cambiare marcia; al 86’ Peretti va via sulla sinistra e mette una gran palla al centro per Cavallini che fallisce davanti al portiere una grandissima opportunità di raddoppio; al 87’ l’arbitro non fischia un colossale rigore sulla Rasetti lanciata a rete; al 89’ ancora Peretti serve al centro Cavallini che fallisce ancora un’enorme occasione da rete a tu per tu con il portiere; al 91’ Peretti dalla destra scaglia un bel tiro che la Ventura smanaccia debolmente, la palla sembra rotolare in rete ma Cavallini arriva per il tap-in e l’arbitro decide di fischiare un inesistente fuorigioco.
Game over. Finisce qui, un po’ troppo presto, il campionato 2014-2015 della Fortitudo. Non finiscono gli allenamenti e le amichevoli che continueranno per tutto il mese di Maggio. Martedì dopo l’allenamento, piccola festicciola di squadra per salutare la prima straniera della storia tesserata in casa Fortitudo. Un grazie sentito alla canadese Ashley per aver scelto la  Fortitudo, per la capacità di reggere alle difficoltà incontrate per lungo tempo ed anche per l’esempio sportivo che speriamo abbia trasmesso a tutte le sue compagne.
AL VOLANTE: “Caro amico ti scrivo, così mi distraggo un po’. E poi ti saluto per sempre”.

Giuseppe Boni