H&D Chievo Women

logo h&d chievo women

LE PARTITE HANNO DUE TEMPI

SUDTIROL . FORTITUDO MOZZECANE = 6 – 1 Reti: 17’ Torresani, 19’ Caneo, 48’ Tonelli (rig), 50’ Tonelli, 58’ Tonelli, 66’ Dalla Giacoma, 78’ Brunello M. SUDTIROL: Valzogher, Brunello G, Ferrari, Torresani, Righi (88’ Tonelli L), Dengg, Dalla Giacoma, Vivirito (82’ Varrone), Pasqualini, Tonelli A, Erlacher (74’ Brunello M) AD, Caser, Bon, Faes, Schwienbacher All. Alberti ,FORTITUDO MOZZECANE: Mazzurana (80’ Colcera), Pecchini, Cordioli, Bindella A, Rizzi (46’ Sossella), Faccioli, Boni F, Rasetti, Mecenero, Peretti, Caneo (85’ Bindella V) AD CCaliari, Salaorni, Boni D. All. Mafficini Arbitro: Panozzo Niccolo di Castelfranco – Assistenti Mazzucchi di Bolzano e Mancini di Merano) Ammonite: Vivirito, Rizzi Espulse: – La giornata non era delle migliori ed una pioggia battente imponeva di coprirsi, ma bastava un impermeabile e non un cappotto. La Fortitudo ha giocato e retto solo per un tempo, ma dopo l’intervallo non è rientrata in campo e per il Sudtirol è stato un gioco da ragazzi matare la formazione ospite anche perché favorito da una disposizione tattica troppo alta che ha favorito l’inserimento delle velocissime punte avversarie. Una Fortitudo, quindi, double face che se da un lato ha giocato alla pari con la principale pretendente alla serie A, dall’altro ha sciupato tutto con un secondo tempo anonimo e svogliato. Dopo la solita fase di studio, con il Sudtirol ovviamente più intraprendente, si arriva al 17’ quando un lampo della Erlacher pesca l’inserimento della Torresani che non trova ostacoli e buca la Mazzurana di sinistro da posizione angolata; neanche il tempo di gioire che Caneo conquista una punizione, Peretti la mette in mezzo e sulla corta respinta Caneo effettua un pregevole controllo e poi spara un sinistro angolatissimo ed imprendibile (complimenti); al 26’ un cross della Tonelli vede il colpo di testa della Pasqualini uscire di poco; al 35’ la Dalla Giacoma raggiunge una palla impossibile, poi dribbla sulla linea un ingenuo difensore gialloblù e mette in mezzo; Bindella in recupero rischia la clamorosa autorete ma Mazzurana di piede mette in corner; al 40’ Mecenero effettua una giocata degna di lode smarcando la Peretti a tu per tu con Valzogher ma il sinisitro non è pari alle sue capacità ed esce a lato; senza particolari perdite di tempo l’arbitro concede un minuto di recupero ma prosegue per due; al 47’ alla Peretti viene stoppata una palla col braccio a metacampo e sulla conseguente verticalizzazione Pasqualini viene atterrata da Rizzi alle spalle; il rigore viene trasformato da Tonelli al 48’ (incredibile). Il secondo tempo è senza storia e completamento diverso dal primo; già al 48’ Tonelli evita il primo fuorigioco mette al centro ma Pecchini riesce a rimediare in qualche modo mettendo in corner; al 52’ ancora Tonelli se ne va sulla sinistra e Mazzurana ci mette un’altra pezza; ma al terzo analogo tentativo Tonelli non sbaglia e trafigge Mazzurana; la storia si ripete al 70’ ancora con Tonelli che prima del rientro del difensore tira fuori dal cappello una magia che finisce sotto la traversa e s’insacca (complimenti); al 74’ ancora Tonelli evita il fuorigioco sulla destra e mette dentro per il comodo appoggio in rete della Dalla Giacoma; anche l’ultima rete segue in fotocopie le ultime tre ma questa volta l’interprete dell’inserimento è la neo-enytrata Brunello Martina che al 86’ s’invola e trafigge Colcera pure appena subentrata. MIGLIORE in CAMPO: CANEO ZOE Vero che anche nel prossimo turno la Fortitudo avrà meno motivazioni del Meda ancora in lotta per il primato, ma il quarto posto non è un traguardo da buttare e comunque lo sport ha un senso se chi lo pratica lo fa sempre al massimo delle sue possibilità ed al massimo della concentrazione, dell’entusiasmo e del piacere di giocare. Quindi la Fortitudo è attesa ad un pronto riscatto ed alla conclusione di un buon campionato nel migliore dei modi.

ESO: DERBY ALLA FORTITUDO

Mozzecane-Fortitudo Mozzecane: 1-2 0-1 0-1 Fortitudo: Perina, Adami F(Torazzi), Negrin(Da Cruz), Valenza, Adami G, Zaldini, Rebecchi, Savioli, Scarcelli(Menegazzi), Tinelli, Dal Frà. Dopo il derby dell’andata che aveva lasciato un po’ di amaro in bocca alla Fortitudo per il pareggio regalato, oggi le ragazze sono sembrate molto più determinate e soprattutto ben decise a non ripetere gli errori dell’andata e difatti dopo pochi minuti sono passate in vantaggio con Savioli. La Fortitudo dopo il vantaggio ha continuato a creare occasioni, ma inaspettatamente è arrivato il pareggio del Mozzecane. Poco dopo però Tinelli ha riportato in vantaggio le ragazze e il tempo si è chiuso con il vantaggio della Fortitudo. Il secondo e il terzo tempo ha visto sempre il predominio della Fortitudo che si è concretizzato con i gol di Savioli e di Tinelli e altre occasioni mancate di un soffio. Sul piano di gioco forse non è stata una bella partita, le ragazze però ci hanno tenuto a vincere il derby, questa probabilmente è stata la vittoria della volontà, però anche questa è una qualità che nello sport bisogna possedere e saper mettere in campo, quindi bene così.

PERINA in RAPPRESENTATIVA

Buona prova della portierina gialloblù che ha difeso la porta della rappresentativa del Verona in 4 partite su 5 e che così facendo ha consentito alla sua squadra di raggiungere il terzo posto, sconfitta in semifinale dal Vicenza, poi vincente il campionato regionale. Complimenti per l’ottima esperienza. Venerdì 25 Aprile verrà svolto il torneo delle Provincie tra le formazioni under 15 delle varie province venete e dopo qualche anno di pausa una ragazza della Fortitudo è stata nuovamente convocata nella rappresentativa provinciale veronese. La prescelta da mister Fernando Murari è il portiere Martina Perina, classe 99, che avrà l’onore ma anche l’onere di difendere la porta veronese dagli attacchi avversari. Il torneo che si terrà a Castello di Godego (TV) vedrà nella prima fase la formazione veronese affrontare quelle di Venezia, Padova e Bassano. In bocca al lupo Martina.

ESO: BUONA PARTITA

Fortitudo-Castel d’Azzano: 1-0, 1-1, 1-1 Buona partita delle esordienti che con i gol di Dal Frà, Savioli e Rebecchi riescono ad imporsi sul Castel d’Azzano. Contro degli avversari abbastanza ostici per il tipo di gioco svolto, le ragazze riescono ad imporre il loro gioco con buone triangolazioni, smarcamenti puntuali e chiusure efficaci. Questo dimostra che la crescita piano piano c’è perché fino a poco tempo fa si sarebbero adattate al gioco degli avversari, palla lunga e pedalare, senza cercare di costruire delle azioni e giocare la palla come hanno fatto oggi.

EASTER MATCHES

La serie di partite amichevoli è cominciata con la Primavera in quel di Veronello contro una squadra danese molto forte e le nostre ragazze sono state bravissime a reggere fino al termine della gara subendo una sola rete in extremis. Martedì 15 è stata la volta delle P7 di Ferrarini che per la prima volta si sono cimentate in una gara ad 11 incontrando una squadra inglese di Birmingham ed anche loro si sono particolarmente distinte per il coraggio con cui hanno affrontato le avversarie di un anno in più uscendo sconfitte anche loro per 1-0 ma dimostrando tante buone qualità. A seguire è stato il turno della Primavera che ha superato per 2-0 (Piazza e Toffoli) le ragazze della stessa scuola inglese questa volta under 18. Mercoledì 16 è stata prima disputata una partita tra le esordienti ed un numeroso gruppo di ragazzine che giocano attualmente in squadre maschili. Ne è venuta fuori una gara bellissima vinta dalle ospiti per 0-1 che ha messo in mostra una serie di elementi under 14 molto, ma molto promettenti e che la Fortitudo si augura che in un prossimo futuro possano vestire la maglia gialloblù. A seguire è stata una mista tra prima squadra e primavera ad affrontare una formazione svedese molto simpatica e dinamica (Ekero di Stoccolma) che però ha dovuto soccombere con un punteggio abbastanza largo. Il clou prepasquale si è però consumato giovedì 17, quando tre squadre danesi hanno nell’ordine affrontato Esordienti, Primavera e serie B. La maratona calcistica iniziata alle 17 ha visto le esordienti chiudere sul 2-2 con grande doppietta della Tinelli, la Primavera avere il sopravvento sulle pari età danesi per 3-0 con la solita punizione bomba della Magalini e doppietta della motivatissima Castioni; infine la prima squadra ha effettuato un’ottima gara contro le più giovani danesi vincendo con un punteggio generoso ma cercando continuamente il movimento, il fraseggio ed il gioco. Al termine delle gare più di cento persone hanno potuto sedersi sotto il tendone e gustare il risotto di Adami e il resto preparato da Prencipe, Terrazzani e company. La serata è stata molto piacevole sia per la visita di cortesia del sindaco, sia perchè tutte le ragazze si sono mischiate ed hanno potuto fare amicizia e conoscenza con le colleghe danesi.17

PRI: DUE MONTI NON RAGGIUNTI

Due Monti – Fortitudo = 2-1 Marcatori: Rasetti Due Monti: Paccagnella, Doglioso, Ponchio, Rigato, Cannella, Zanotto, Cincano, Pettenuzzo, Baldivazzo, Basso, Moro. A disp: Cincano, Lazzari, Moro, Poppi, Zilio Allenatore: Pellizzer Fortitudo Mozzecane: Venturini, Franchini G., Zanardi, Bonizzato, Begnoni, Bindella V., Magalini (Piazza), Ciresola, Rasetti (Markhi), Berzaghi, Scattolini (Castioni) A disp: Toffoli, Venturelli Allenatore: Fenzi Nell’ultima partita di sabato la Fortitudo non riesce a concludere nel migliore dei modi (con una vittoria) questo campionato, non solo per demerito suo, ma anche con la complicità di alcune disattenzioni arbitrali. All’inizio del primo tempo le gialloblù faticano a trovare il ritmo gara e su un tentativo di liberare la propria area, la difesa consegna la palla al Due Monti che con un gran tiro da parte di una sua giocatrice si porta sull’1-0. La Fortitudo però non demorde, crea alcuni pericoli alla porta vicentina e riesce poco dopo a pareggiare i conti con il gol di Rasetti. In seguito l’attacco spreca un altro paio di occasioni. Il secondo tempo si apre con la Fortitudo più determinata, ma un guizzo delle vicentine viziato da un’irregolarità fa ritornare in vantaggio la squadra locale. Poi fino alla fine della partita la nostra Primavera cerca la rete che avrebbe ristabilito l’esito del match, ma non ci riesce. Termina così un’altra partita caratterizzata da molte emozioni, che però non rende felice la Fortitudo per il risultato finale. Si può concludere dicendo che questo campionato è stato caratterizzato da un’andata al di sotto delle potenzialità della squadra, che però sono in parte emerse nel girone di ritorno, nel quale si sono avute più soddisfazioni. L’impegno della squadra comunque è stato sempre determinato e costante. Ora le ragazze si confronteranno in alcune amichevoli con squadre europee che affronteranno nelle prossime settimane.

P5: ANCHE I PORTIERI FANNO GOAL

Castel D’Azzano vs Fortitudo Primo tempo ampiamente dominato dalle nostre ed ciliegina sulla torta un gol della Martina che da rinvio riesce a beffare il portiere avversario, grande difesa da parte di Jessica, indomite la Carola, Maria e Sara, alla piccola Anna con il tanto impegno dimostrato è mancato solo il goal. Il tempo si conclude per 0-1 Secondo tempo equilibrato, ma purtroppo la squadra avversaria riesce a segnare con un guizzo vincente. Nonostante la doccia fredda del goal subito, le nostre riescono a reagire riuscendo a far goal con la piccola Chiara Ferracuti che approfitta di una respinta del portiere e manda la palla in rete, ma i ragazzini non demordono e riescono ad portarsi in vantaggio fino alla fine del tempo che si conclude per 2 – 1. Terzo tempo non privo di emozioni da ambedue i fronti, grande intervento difensivo di Jessica che strappa dai piedi dell’attaccante la palla che poteva essere del vantaggio avversario. La stanchezza evidente dopo una gara così intensa, bussa alle porte ed la partita si conclude, risultato terzo tempo 0-0 Conclusioni: prestazione globale ottima, risultato giusto e evidenti progressi in tutti i reparti, a fine partita, le ragazzine ricevono i complimenti degli avversari.

E SONO TREDICI!!

AZZURRA TRENTO . FORTITUDO MOZZECANE = 2 – 3 Reti: 12’ Rasetti, 18’ Boni F. 36’ F, Boni F, 40’ Zanelli, 66’ Divina AZZURRA TRENTO: Drago, Zanelli, Bottura, Boccagni (85’ Betta), Leonesi, Rigon, Forti, Carraro, Pasqualini, Pignatelli (55’ Divina), Vitti (71’ Frieri) AD, Peri, Avancini, Cristelli, All. Manfrini FORTITUDO MOZZECANE: Colcera, Pecchini, Caliari, Faccioli, Cordioli, Sossella, Boni F (89’ Salaorni), Rasetti, Mecenero (56’ Rizzi), Peretti, Caneo (78’ Bindella A) AD Mazzurana, Bonamini, Bindella V, Boni D. All. Mafficini Arbitro: Bonassoli Filippo di Bergamo – Assistenti (-, – di -) Ammonite: Bottura Espulse: – Un primo tempo dominato non si chiude con un punteggio più netto e nel corso della ripresa qualche apprensione per mantenere il vantaggio fino al termine. La Fortitudo incamera così la 13° vittoria del campionato. Il giocare qualche partita nella formazione Primavera aiuta a migliorare la condizione atletica ed a trovare un ritmo gara più idoneo, specialmente per quelle ragazze che faticano a trovare i 90 minuti in prima squadra, ma serve anche per ritrovare confidenza col goal; goal tira goal, qualsiasi sia il livello. Rasetti potrebbe essere l’esempio calzante. Dopo un periodo di appannamento ha giocato anche qualche gara in primavera, ha segnato parecchie reti ed ora è riuscita a ripetersi anche con la formazione maggiore. Complimenti a Federica Boni che mette a segno la sua prima doppietta in campionato nazionale, una doppietta meritata per la serietà sin qui dimostrata. Al 3’ la Rasetti calcia a colpo sicuro, respinge la Drago e sulla ribattuta corta la stessa Rasetti non riesce a mettere la palla dentro; al 8’ tiro cross di Rasetti dal fondo che sorprende il portiere locale ed ottiene lo 0-1; al 15’ conclusione da dentro l’area della Pasqualini con bella respinta bassa della Colcera; al 16’ rasoterra di Boni da appena dentro l’area che supera Drago alla sua sinistra; al 30’ cross di Rasetti al centro dell’area che pesca Caneo in mezzo ma la sua girata è troppo debole; al 34’ bel taglio della Peretti per Boni che salta un difensore e deposita nuovamente la palla in rete questa volta alla destra del portiere; al 39’ corta respinta della difesa gialloblù da un corner e da fuori area di piatto la Zanelli batte la Colcera. Al 55’ occasione d’oro per Rasetti che calcia dalla destra sul portiere e sulla ribattuta arriva Caneo leggermente in ritardo consentendo alla difesa di spazzare, al 60’ altro tiro rasoterra della Caneo che finisce di poco a lato; al 66’ lancio lungo delle locali che trovano impreparata la Colcera e per Divina è facile depositare la palla in rete; al 72’ Rizzi entra in area e supera il portiere ma salva sulla linea un difensore del Trento; al 78’ occasione del Trento con Leonesi che scaglia un tiro a fil di palo. MIGLIORE in CAMPO: BONI FEDERICA – RASETTI FRANCESCA Grazie a questa vittoria in trasferta la Fortitudo migliora leggermente il suo bilancio interno/esterno, ma adesso arriva il gran finale, prima Sudtirol e poi Meda, cioè due squadre in lotta per la promozione. La Fortitudo si è migliorata di ben 7 punti tra andata e ritorno (secondo solo proprio all’Azzurra Trento) e nelle ultime due giornate potrebbe salire ancora di più visto che all’andata da queste due gare ha raccolto solo un punto. Certamente bisognerà operare due gare perfette per far vedere che la squadra sa farsi valere anche contro le big e per dimostrare che anche sotto il profilo della personalità e del carattere la squadra è molto cresciuta. Prenotare per tempo i posti in corriera per Bolzano  

P5: SE AVESSIMO OSATO DI PIU

Fortitudo vs Peschiera – sabato 12 aprile 2014 Primo tempo equilibrato con leggera supremazia avversaria che oltretutto va in vantaggio grazie a un gol non irrestitibile, leggero assopimento totale delle ragazzine che dimostrano un pò di stanchezza. ris parziale 0-1 Secondo tempo alla nostra portata, sfiorato il golazo con la Martina che con un tiro magistrale riesce a colpire da lontano il 7 della traversa. Grande risposta agli attacchi avversari da parte della Mirea, il tempo finisce 0-0 ma si poteva vincere. Terzo tempo equilibrato e con cali anche da parte dei nostri avversari, grandi ripartenze da parte di Paola, protagonista di numerosi interventi difensivi, incassiamo un gol fortunoso, ma il nostro goal tanto meritato non arriva. Conclusioni: prestazione globale buona considerato che nella gara precedente di mercoledi sempre contro il Peschiera abbiamo perso 5 a 0.

P7: USCITA A TESTA ALTA

Bernardi, Busiello, Bonotto, Bragantini, Buzzi, Fisicaro, Mecenate, Mele A., Pachera, Rjjali, Zanca Ottima prestazione delle giovani calciatrici al campo di Villafranca. Primo tempo all’insegna del bel gioco. Belle triangolazioni e passaggi filtranti hanno messo in difficoltà gli avversari. Le occasioni si sono susseguite per tutto il tempo e le nostre calciatrici hanno dato il meglio per grinta e affiatamento e solo per un rimpallo sfortunato gli avversari vanno in gol. Nel secondo tempo con i cambi fatti da entrambe le squadre, combattono alla pari e piccole distrazioni difensive facilitano gli avversari che alla fine fanno due gol. Terzo tempo, fotocopia del primo, discese a rete, tiri, passaggi smarcanti, varie occasioni che però non sono servite ad avere la meglio sul Villafranca! Brave comunque. I complimenti per la bella prestazione si sono sentiti da entrambe le tifoserie e l’uscita dal campo non poteva che avvenire a testa alta!