Ora è ufficiale: il campionato del Chievo Fortitudo Women termina qui. Questo è emerso dal Consiglio Federale Figc tenutosi oggi, che ha definito le linee guida per le diverse categorie del calcio italiano, maschile femminile.

Recita il comunicato Figc: “Il presidente Gabriele Gravina ha aperto i lavori alle ore 12.00 con i consiglieri: Dal Pino, Marotta e Lotito per la Lega di A; Balata per la Lega B; Ghirelli, Baumgartner e Lo Monaco per la Lega Pro; Sibilia, Acciardi, Baretti, Frascà, Franchi e Montemurro per la Lega Nazionale Dilettanti; Tommasi, Calcagno, Gama e Zambrotta per gli atleti; Beretta e Giatras per i tecnici; il presidente dell’AIA Nicchi; il presidente del Settore Giovanile e Scolastico Tisci; il presidente del Settore Tecnico Albertini; il segretario generale Brunelli; la presidente della Divisione Calcio Femminile Mantovani; il vice presidente UEFA Uva; il membro UEFA nel Consiglio della FIFA Christillin; il presidente ECA e membro Comitato Esecutivo della UEFA Agnelli. […] Per quanto concerne, invece, l’attività dilettantistica, ivi compresa quella femminile fino alla Serie B, valutate le condizioni generali e l’eccezionale situazione determinatasi a causa dell’emergenza Covid-19, il Consiglio ha deliberato di interrompere definitivamente tutte le competizioni, rinviando ad altra delibera i provvedimenti sugli esiti delle stesse competizioni. Resta fissato al 30 giugno il termine per la conclusione dell’attuale stagione sportiva”.

Ecco le parole del presidente Giuseppe Boni in merito al termine ufficiale della stagione 2019/20: “Ai primi di marzo pensavo di poter presto ripartire, ed ero uno dei pochi presidenti possibilisti sulla ripresa, ma col passare delle settimane son passato dall’altra parte e nelle ultime riunioni online sono diventato uno dei più convinti e decisi sostenitori dello stop al campionato. Era l’unica cosa giusta da fare, a certe condizioni non era immaginabile poter giocare, anche se per la Figc, adesso, le prossime decisioni da prendere non saranno facili. Ovviamente sarei stato molto curioso di vedere il finale di stagione della nostra squadra, ed ero parecchio fiducioso che avremmo risalito altre posizioni, forse avvicinandosi al vertice, visto lo splendido stato di forma fisica e mentale raggiunto. Mi dispiace molto per l’esito del primo terzo di campionato, ma il secondo terzo ha dimostrato che la rosa era buona e le scelte estive erano state azzeccate. Le mie sensazioni sono ora che la stagione 2020/21 dovrà slittare in avanti di qualche mese, ovviamente col permesso del Coronavirus, che nel complesso e stato abbastanza clemente nei confronti del CFW”.