In arrivo una piccola Stella: la talentuosa Botti rinforza l’attacco

In arrivo una piccola Stella: la talentuosa Botti rinforza l’attacco

Dopo diverse operazioni in entrata che hanno completato la retroguardia, il ChievoVerona Women si muove anche per rafforzare il reparto offensivo.
Il primo nuovo volto per l’attacco è Stella Botti, giovane promessa classe 2000 in arrivo dal Sassuolo.
A dispetto della giovane età, la giocatrice ha già fatto tanto parlare di sé, conquistando a suon di gol e di giocate l’attenzione del mondo giovanile in rosa.
Un rapporto innato e naturale quello con la rete avversaria, come dimostrano i due titoli consecutivi da capocannoniere della Primavera ottenuti nel 2017/2018 e nel 2018/2019.
Dopo tre anni di altissimo livello in neroverde, in cui ha provato anche la gioia di calcare i campi della Serie A e la soddisfazione segnare all’esordio contro la Fiorentina, la giovane calciatrice nata a Fidenza ha sentito la necessità di una nuova avventura e di imporsi con continuità anche fra “le grandi”.

“Quando il mio percorso al Sassuolo è finito ho iniziato a guardare gli highlights delle squadre di B dell’anno scorso e quello per il Chievo è stato un amore a prima vista – ha affermato la Botti. Mi piaceva il modulo del mister, le azioni e i movimenti delle ragazze, insomma mi è piaciuto tutto fin da subito. Quando mi è arrivata la chiamata e sono andata a vedere il centro sportivo non ho esitato nel dire sì“.
Mister Dalla Pozza potrà dunque contare su un elemento giovane ma versatile.
Esterno alto, può ricoprire indifferentemente la fascia destra e sinistra e, nonostante non sia mancina, se la cava egregiamente anche con il piede meno forte.
Inoltre, nell’ultima stagione ha arretrato il proprio raggio d’azione, giocando spesso come laterale basso. Un cambio di ruolo che però ha inciso poco sull’apporto realizzativo della classe 2000, che ha comunque siglato 8 gol e che si è dimostrata ancora una volta una piccola Stella, di nome e di fatto.

La Botti ha una chiara preferenza per quanto riguarda la sua posizione, ma non si fa troppi problemi nel caso in cui dovesse essere chiamata in causa in un altro ruolo.
“Le mie caratteristiche tecniche? Corsa, tanta corsa e tiro! A volte tiro anche dalla trequarti – spiega l’ex neroverde. Il ruolo in cui mi riesco ad esprimere meglio è sicuramente quello di esterno d’attacco, ma ho giocato in tutti i ruoli. La duttilità è sempre stato il mio forte. Fin da piccola mi hanno continuato a ripetere che per fare bene un ruolo prima bisogna imparare a farli tutti!“.
Per continuare il suo costante percorso di crescita potrebbe essere importante anche la presenza di tante colleghe di grande esperienza, che la giocatrice segue già da tempo o ha già imparato a conoscere: “Come obbiettivo personale ho sicuramente quello di migliorare imparando malizie e tecnica dalle compagne con più esperienza. Boni è punto di riferimento, atleta dentro e fuori dal campo. La conoscevo già anche quando giocava in serie A e mi ha sempre stupito. Mamma mia che piedi e che grinta, so a chi ispirarmi. Dallagiacoma è una grande bomber, mi piacerebbe col tempo raggiungerla e chissà…magari batterla! Tanta roba anche la difesa: Salaorni e Zanoletti mi danno tanta fiducia”.

Oltre alle grandi doti tecniche la giovane calciatrice porta in gialloblù anche tanto entusiasmo. Quest’ultimo non manca, anzi, si può scorgere in ogni parola pronunciata dalla 20enne ai nastri di partenza di quello che per lei è un nuovo viaggio da assaporare in ogni suo aspetto: “In questo primo anno al Chievo spero di poter vivere la mia prima esperienza fuori casa al meglio, esordendo e aiutando il mister e le compagne, facendomi trovare pronta nel momento del bisogno. Sicuramente giocare in B non sarà facile soprattutto adesso che il girone ha 14 squadre. Ma dico solo una cosa: mi piacciono le sfide!“.
E con questa energia e determinazione, siamo sicuri che le vincerà tutte.

Da parte di tutto il mondo gialloblù, benvenuta Stella!

Il gialloblù come seconda pelle: ennesimo rinnovo per Alessia Pecchini

Il gialloblù come seconda pelle: ennesimo rinnovo per Alessia Pecchini

Per realizzare un palazzo imponente, bisogna comunque partire dalle fondamenta.
Il ChievoVerona Women si sta muovendo in questo senso, costruendo con cura la propria rosa a partire dagli elementi che hanno sorretto per tanti anni la squadra gialloblù.
Dopo le conferme di Caliari e Salaorni, infatti, un altro baluardo della retroguardia e del gruppo storico ha risposto “presente”.
Si tratta di Alessia Pecchini, vera e propria bandiera del club con sede a Mozzecane.
Una vita o quasi in gialloblù per lei che, fra giovanili e Prima Squadra, si appresta a cominciare il diciannovesimo anno con questi colori cuciti addosso.
La calciatrice, infatti, ha firmato ancora una volta il rinnovo di contratto e rimarrà legata alla società almeno fino a giugno 2021.

Alessia Pecchini in azione nel corso dell’ultimo campionato

“Gli anni sono in effetti tanti, però ogni volta è un nuovo gruppo ed una nuova sfida – ha dichiarato la Pecchini a margine della firma. Sono orgogliosa di essere qui da tanto, penso sia allo stesso tempo un orgoglio per la società avere ragazze che sono rimaste nonostante svariati momenti difficili e che portano avanti i valori che ci hanno negli anni contraddistinto. Ovviamente il legame che si crea è sempre più forte e continuare ad indossare questi colori è una naturale prosecuzione“.
Dodici anni e centottantotto presenze dopo l’esordio in Prima Squadra, Alessia Pecchini continua a presidiare con energia e cuore la sua fascia di competenza. Con questa maglia ha vissuto periodi belli e meno belli, poco fortunati ed esaltanti, come il campionato di B vinto nel 2010/2011, ma sempre con la passione e la determinazione che la contraddistinguono.

Caratteristiche che si evincono anche dalle sue parole: “L’anno della conquista della Serie A, per chi l’ha vissuto, è difficile da dimenticare. Non eravamo le favorite perché c’erano formazioni più consolidate ed esperte di noi, credo che abbia fatto la differenza la sintonia che c’era in campo, frutto di lavoro, sacrificio e di un gruppo fantastico. L’asticella degli obiettivi mi piace tenerla sempre alta, sia individuali che di squadra, ma per il momento sono concentrata a prepararmi al meglio fisicamente per fare una stagione da protagonista al servizio del gruppo. Quella appena trascorsa va sicuramente tenuta nella nostra memoria, perché siamo state bravissime a rialzarci dopo un periodo molto complicato ed è da lì che dobbiamo ripartire – prosegue la calciatrice. Il campionato è apertissimo e affronteremo ogni sfida per vincerla, senza paura di nessuno. Siamo un gruppo eterogeneo di gioventù ed esperienza, un mix micidiale che una volta amalgamato stupirà“.

L’esperta calciatrice veneta, che ha pure provato la gioia del gol ben 13 volte sempre con la stessa maglia, ha visto crescere una realtà che recentemente ha inaugurato una nuova era, senza però perdere la propria identità: “La collaborazione con il Chievo è sicuramente una spinta ed una risorsa per noi e siamo felici che continuino a credere nel calcio femminile. Colgo l’occasione per ringraziare il presidente uscente Giuseppe Boni, per tutto ciò che ha fatto e che nelle retrovie continuerà a fare“.

Una partnership che però finora ha potuto esprimersi solo parzialmente, visto lo stop dei campionati. Come la maggior parte delle atlete, Alessia ha sofferto la lontananza dai campi da gioco, ma è già pronta per un nuovo viaggio con la casacca del Chievo: “Nei mesi di quarantena la cosa che mi è mancata di più è lo spogliatoio, dove tra risate e chiacchierate si rende leggero ogni sacrificio. E poi non vedo l’ora di tornare in campo in una partita vera e sentire l’adrenalina di una scivolata a filo d’erba (sulla palla ovviamente)!

Classe 1992, veloce, potente, la Pecchini scorrazza lungo la fascia destra, ma ricopre agevolmente anche il ruolo di terzino sinistro. Laterale di spinta, grazie alla sua intelligenza tattica è in grado di rendersi utile in entrambe le fasi.
Una giocatrice completa che proprio grazie alla sua duttilità e al suo senso della posizione è stata schierata spesso e con ottimi risultati anche come centrocampista.
Un elemento a cui il Chievo non può e non vuole rinunciare. Come non vuole farlo Alessia, che resta ancora gialloblù, due colori, una seconda pelle.

 

Ufficio Stampa – ChievoVerona Women F.M.

Facebook: Chievo Verona Women F.M. 
Instagram: chievoveronawomenfm
Twitter: @ChievoWomen

Il Chievo blinda Dallagiacoma, centrocampista con il vizio del gol

Il Chievo blinda Dallagiacoma, centrocampista con il vizio del gol

Il ChievoVerona Women si ripresenta ai nastri di partenza della prossima stagione con tante novità, ma riparte anche dalle sue certezze.
Una di queste è sicuramente Stefania Dallagiacoma, centrocampista trentina già da due anni fra le fila del club gialloblù.
La calciatrice, di fondamentale importanza per lo scacchiere tattico di mister Dalla Pozza, ha rinnovato il contratto che la lega al Chievo fino a giugno 2021.
Una conferma che garantisce qualità ed esperienza in vista della vicina ripresa delle competizioni.

Le motivazioni che mi hanno spinta a rinnovare ancora con il ChievoVerona Women sono sicuramente il gruppo, con cui mi sono trovata molto bene sin da subito” – spiega la Dallagiacoma. “Ma anche il livello della squadra e del campionato che andremo ad affrontare. Siamo un gruppo che un po’ ha imparato dai propri errori, con un anno in più di esperienza, quindi bisognerà ripartire con quel poco di consapevolezza in più nei nostri mezzi. Sarà un campionato molto difficile perché ogni stagione il livello si sta alzando sempre di più, ma questo per noi sarà uno stimolo a dare sempre il massimo”.
La stagione appena trascorsa, seppur bruscamente interrotta dal lockdown, non è stata infatti fortunata per la squadra con sede a Mozzecane, ma è stata più che positiva per la giocatrice. Quest’ultima ha rappresentato una pedina preziosa per lo sviluppo del gioco, ma soprattutto un’arma implacabile dal punto di vista realizzativo.

Stefania Dallagiacoma in azione.

Alla voce “capocannoniere della squadra” della scorsa stagione, infatti, non compare il nome di una punta ma proprio quello della calciatrice classe 1993.
Con ben 8 gol nelle 13 presenze fra campionato e coppa, Stefania Dallagiacoma ha segnato più di tutti con addosso la maglia del Chievo Women, pur giocando quasi sempre da centrocampista offensiva. Con licenza di attaccare e fare del male alle difese avversarie sì, ma sempre partendo dalla trequarti o dalle corsie laterali.
Un’affinità, quella con il gol, che probabilmente deriva dal passato della calciatrice, che ha una formazione da punta centrale. Come afferma la stessa Dallagiacoma, però, anche defilandosi sulla fascia e con il cambio di posizione, non sembra aver affatto dimenticato i trucchi del mestiere: “Nasco come attaccante quindi la confidenza con il gol deriva dai molti anni in cui ho giocato come punta. Devo dire però che il merito dei gol fatti la scorsa stagione va dato anche alle mie compagne e al gioco che abbiamo espresso, io forse sono stata brava a farmi trovare al posto giusto nel momento giusto”.

La 27enne vanta in totale 67 gol in 202 presenze in Serie B, accumulate con le maglie di Chievo, Trento e Südtirol Damen Bolzano, oltre a 3 gol in 47 presenze nella massima categoria, sempre con la casacca del club altoatesino.
A dispetto di questi numeri e della stagione prolifica dello scorso anno, non ha nessuna intenzione di fermarsi qui e punta a migliorare ancora score e apporto alla compagine gialloblù.
“Ogni stagione cerco di fare meglio della precedente – afferma la Dallagiacoma. Il mio obiettivo è quello di mettermi a disposizione della squadra e poter dimostrare in campo con le mie prestazioni il mio valore, magari facendo anche più gol rispetto agli 8 di quest’anno“.

La calciatrice gialloblù, attenta a non esporsi troppo, ha parlato degli obiettivi di squadra e ha espresso anche tutta la sua voglia di tornare a emozionarsi su un campo da gioco: “Secondo me questa squadra ha delle grandi potenzialità, credo che possiamo fare bene quest’anno. Sinceramente non saprei dire a che traguardo possiamo aspirare ma sarà importante partire con entusiasmo e impegnarsi sempre al massimo, questo ci ripagherà. È stato molto strano non mettere piede in un campo da calcio per così tanto tempo – prosegue la giocatrice. Sicuramente mi è mancata l’adrenalina prima di una partita, e mi è mancato divertirmi in allenamento con le mie compagne. Ora si riparte con ancora più entusiasmo“.
Una nuova stagione ormai alle porte e tutta da vivere insieme al Chievo Women e a Stefania Dallagiacoma, bomber non di professione, ma per vocazione.

 

Ufficio Stampa – ChievoVerona Women F.M.

Facebook: Chievo Verona Women F.M. 
Instagram: chievoveronawomenfm
Twitter: @ChievoWomen

Bomber Martani resta gialloblù fino al 2021

Bomber Martani resta gialloblù fino al 2021

Un’altra conferma importante per il ChievoVerona Women F.M. in vista della vicina ripartenza del campionato di Serie B.
Alice Martani, attaccante classe 1996 con quattro stagioni già alle spalle nel club, è pronta a segnare ancora per far gioire i tifosi gialloblù.
Sarà ancora la calciatrice lombarda la pedina più avanzata del reparto offensivo della rosa di mister Dalla Pozza, con il compito di trascinare a suon di gol e assist la formazione clivense.
La ventiquattrenne, infatti, ha firmato il rinnovo di contratto che continuerà a legarla al club fino a giugno 2021.

“Ho deciso di rinnovare con il Chievo perché qui mi trovo molto bene con tutti, mi sento a casa e questo per me è molto importante – ha spiegato la Martani a margine della firma. Penso di poter dare ancora tanto a questa società che ha creduto in me sin dall’inizio. Mi impegnerò al massimo per poter migliorare ogni giorno di più e aiutare la squadra ad arrivare il più in alto possibile!”.
Una fiducia giustificata, perché non sarebbe di certo la prima volta che l’attaccante spinge i gialloblù verso le posizioni più nobili della classifica.
Memorabile in questo senso è stata la stagione 2017/2018, in cui la Martani ha messo a referto ben 26 gol, grazie a cui è stata proclamata capocannoniere del girone C della serie cadetta e che ha permesso alla squadra di conservare la categoria.
Una familiarità, quella con la rete avversaria, che non si è limitata a quel campionato, ma che ha continuato a fare le fortune dei gialloblù.

Grazie ai 48 gol siglati con la società con sede a Mozzecane, infatti, Alice Martani è primatista di reti fra le calciatrici presenti nell’attuale rosa a disposizione di mister Dalla Pozza.
Di queste marcature, ben 45 sono arrivate in campionato, a fronte delle 83 presenze in cadetteria: una media abbondantemente superiore a una rete ogni due partite. Il suo apporto, però, non si esaurisce con l’abilità in zona gol.
Alice Martani è una punta completa, che partecipa al gioco e viene in soccorso della squadra grazie alla sua corsa. La sua velocità le permette di svariare anche sulle fasce e di essere utile anche in fase di rifinitura, pescando spesso le compagne che si inseriscono in area.

L’ultimo campionato, pur se parzialmente valutabile a causa dello stop forzato, è stato complicato sia per la squadra che a livello personale. Ma con la stessa determinazione che mette in campo su ogni pallone, Alice guarda con ottimismo alla prossima stagione: “Nell’ultimo campionato non abbiamo avuto la continuità che sarebbe servita per raggiungere traguardi importanti, soprattutto ad inizio stagione, ma anche questo ci è servito per crescere e maturare. Quest’anno dobbiamo partire subito forti con la mentalità giusta per poter fare un’ottima stagione. Io sono molto fiduciosa e non vedo l’ora di iniziare!“.

La rinnovata collaborazione con l’A.C ChievoVerona, inoltre, è una cosa molto positiva in prospettiva futura verso il professionismo” – aggiunge la calciatrice, che ribadisce ancora una volta il desiderio di tornare a calcare il rettangolo di gioco. “Dopo questa lunga pausa non sarà facile riprendere però ho tanta voglia di ricominciare, mettermi in gioco e fare bene”.
E se abbiamo imparato a conoscerla, siamo sicuri che con grinta e sacrificio, ci riuscirà.
In attesa di tornare a esultare per i suoi gol o di applaudirla per lo spirito che mette in campo, il Chievo Women sa di poter contare ancora per un anno sulla sua numero nove. Alice Martani, professione bomber e molto di più.

 

Altro rinforzo in difesa: dall’Arezzo arriva la promettente Carleschi

Altro rinforzo in difesa: dall’Arezzo arriva la promettente Carleschi

Continua a prendere sempre più forma il muro difensivo gialloblù in vista della prossima stagione di Serie B. Dopo gli arrivi di Alexandra Tunoaia e Stefania Zanoletti, è ufficiale l’acquisto di un altro elemento che andrà a rafforzare il pacchetto arretrato del ChievoVerona Women.
Si tratta di Francesca Carleschi, giovane centrale difensivo di grande prospettiva.
La giocatrice non ha ancora vent’anni, ma ha già mostrato personalità e talento con la maglia dell’Arezzo, società in cui ha militato nell’ultima stagione e di cui è stata una delle pedine fondamentali nel campionato di Serie C.
Proprio grazie alle sue prestazioni con la divisa amaranto ha meritato il salto di categoria e non ha nascosto il suo entusiasmo per la sua nuova avventura.

“Quest’estate, quando è uscito fuori il nome del Chievo tra le varie carte in tavola da valutare, non ho avuto dubbi – spiega la Carleschi. Ho scelto Verona perché è una realtà importantissima nel panorama calcistico, femminile e maschile, quindi sicuramente si possono mettere le basi per crescere e far bene. Ovviamente mi affaccio in un campionato nuovo, la Serie B, ma senza paura, anzi con tanta voglia e determinazione“.
Quest’ultima è senza dubbio una delle qualità migliori della classe 2000, che con tenacia e cultura del lavoro ha mostrato una crescita costante.
Le sue caratteristiche sono quelle del difensore di “nuova generazione”, che al senso della posizione e alla pulizia degli interventi abbina la capacità di impostare l’azione da dietro. Una prerogativa che probabilmente deriva dal suo passato da centrocampista, un’esperienza che ha lasciato alla diciannovenne geometrie e visione di gioco.
Nelle tre stagioni di Perugia, dove è cresciuta calcisticamente prima dell’annata di Arezzo, la svolta come difensore centrale, oltre alla soddisfazione di aver vinto il campionato di categoria Juniores.

Una scalata che ha portato la giocatrice fino al Chievo, un realtà e una sfida del tutto nuova per la sua carriera che però non ha alcuna paura di affrontare.
Se c’è una cosa che traspare con chiarezza nelle sue parole di Francesca è proprio la voglia di farsi largo, oltre a una genuina passione che la spinge continuamente a migliorarsi: “Ho aspettative molto alte perché conosco la storia del club e le grandi giocatrici che ci sono, quindi sarà bello confrontarmi con loro, ascoltare tanto e immagazzinare tutti i consigli utili per poter rendere di più – spiega il difensore. Sono ambiziosa e competitiva quindi l’obiettivo è sicuramente quello di capire il campionato da affrontare e cercare di giocarmi con tutte le forze un posto, facendomi sempre trovare pronta quando chiamata in causa. Non vedo l’ora di conoscere la squadra e iniziare a lavorare con tutto lo staff per aggiungere ogni giorno qualcosa di nuovo al mio bagaglio calcistico”.
Non dovrà aspettare molto, visto che la ripresa degli allenamenti, quindi l’inizio della sua avventura, è ormai alle porte.
Dal 5 agosto, infatti, la calciatrice si aggregherà alla rosa di mister Dalla Pozza per la preparazione e avrà la possibilità di mettere in campo le sue doti, oltre alla grinta che la contraddistingue.

Da parte di tutto il mondo gialloblù, benvenuta Francesca!