Comunicato ufficiale: sospensione definitiva dei campionati Primavera, Under 17 e 15

Comunicato ufficiale: sospensione definitiva dei campionati Primavera, Under 17 e 15

La Figc in base al decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 10 aprile 2020, ha deciso la sospensione definitiva dei seguenti Campionati Nazionali Femminili: Primavera, Under 17 e Under 15.

“Una decisione che ci lascia con l’amaro in bocca perché sportivamente non vedere le squadre allenarsi è brutto ma è giusto, allo stesso tempo, che vengano seguite e rispettate le indicazioni mediche” dice il responsabile del settore giovanile Gianluca Sgreva che conclude: “Probabilmente si andrà per la chiusura di tutti i campionati giovanili, ma mi piacerebbe concludere la stagione con l’ultimo allenamento di giugno, in modo tale da dare la possibilità alle ragazze di salutarsi”.

Buona Pasqua

Buona Pasqua

Il campo sportivo di San Zeno è vuoto, malinconico, triste, sembra aspettare il vostro ritorno, non vede l’ora di essere calpestato, ferito dai tacchetti, di riascoltare il vostro vociare, di riabbracciare le sue figlie piene di energia, spensieratezza, allegria ed emozioni.

Con la speranza di trovarvi tutte in buona salute, vi invito a continuare a rispettare le regole in modo che si possa tornare a stare insieme il più presto possibile ed auguro fortemente che questi giorni siano proprio l’inizio di una nuova Resurrezione.

Il Presidente

Manifattura Sartori: all’opera per un aiuto concreto

Manifattura Sartori: all’opera per un aiuto concreto

Vista l’emergenza e lo stretto rapporto che il Chievo Fortitudo Women ha con il papà Mario Marcomini e la figlia Lorena, rispettivamente dirigente e giocatrice della Primavera, ci è sembrato giusto promuovere quanto segue.

La fabbrica Manifattura Sartori di Nogara ha deciso di riaprire per produrre mascherine che, in tempo di coronavirus, sono richieste come il pane. Cecilia Sartori, titolare dell’azienda assieme alla sorella, spiega: “In questo periodo dovremmo essere chiusi ma abbiamo deciso di modificare la nostra produzione. Infatti, essendo una fabbrica tessile abitualmente produciamo capi di abbigliamento maschile ma abbiamo deciso di iniziare a produrre mascherine. Ne produciamo di due tipi: il primo tipo sono mascherine in tessuto non tessuto triplo strano, con il ferretto modellabile sul naso e gli elastici da allacciare dietro le orecchie. Mentre l’altro tipo è di un tessuto accoppiato. Sono mascherine per uso personale anti polvere, non anti covid ma lavabili e riutilizzabili”.

La scelta della Manifattura Sartori di riaprire per produrre mascherine, come spiega Cecilia, è nata da due motivi: “Abbiamo capito che c’era la necessità di reperire le mascherine perchè anche per noi è stato difficile per cui abbiamo deciso di metterci all’opera. In più abbiamo a disposizione i macchinari e il personale addestrato per cucire quindi ci sembrava giusto metterci in campo per questa necessità”.

Attualmente la produzione è riservata alle aziende limitrofe: “Si trovano di qui a poco ad aprire e hanno bisogno di dare dei dispositivi al proprio personale per cui siamo partiti”. Per ulteriori informazioni contattare info@manifatturasartori.com.

Diamo un calcio al #Coronavirus

Diamo un calcio al #Coronavirus

Diamo un calcio al Coronavirus. Facciamolo con i tacchetti. Simbolo “di seconda fila” del nostro sport, dietro al pallone, alla rete, allo stemma cucito su una maglia. Ma importantissimi, anzi cruciali. Ogni calciatore, ogni calciatrice sa quanto.

Il primo esemplare di scarpe con i tacchetti nacque addirittura nel XVI secolo e venne commissionato per il Re Enrico XVIII, bisogno di una calzatura che proteggesse i piedi. 300 anni dopo, il tacchetto verrà inserito come parte integrante della calzatura e dall”800 i calciatori iniziarono a giocare con i tacchetti di ferro. L’intervento profetico agli scarpini di Adolf Dassler durante l’intervallo della finale del mondiale del 1954 (permise alla Germania Ovest di ribaltare il risultato e aggiudicarsi il trofeo), fece capire ancor di più quanto quei “chiodi” sotto le scarpe potessero risultare determinanti.

Una storia di resilienza e di evoluzione. Una storia umana, insomma. Che adesso vogliamo rendere una metafora, dando un calcio alla crisi sanitaria. Ognuno con i propri scarpini, di colori e taglie diverse, con tacchetti in numero e materiale diversi. Ti piace l’idea? Unisciti a noi, fotografa le tue scarpe o fai un video in cui dai un calcio al pallone, e tagga la pagina del Chievo Fortitudo Women e del Chievo Verona. Insieme sarà più bello!