Altro rinforzo in difesa: dall’Arezzo arriva la promettente Carleschi

Altro rinforzo in difesa: dall’Arezzo arriva la promettente Carleschi

Continua a prendere sempre più forma il muro difensivo gialloblù in vista della prossima stagione di Serie B. Dopo gli arrivi di Alexandra Tunoaia e Stefania Zanoletti, è ufficiale l’acquisto di un altro elemento che andrà a rafforzare il pacchetto arretrato del ChievoVerona Women.
Si tratta di Francesca Carleschi, giovane centrale difensivo di grande prospettiva.
La giocatrice non ha ancora vent’anni, ma ha già mostrato personalità e talento con la maglia dell’Arezzo, società in cui ha militato nell’ultima stagione e di cui è stata una delle pedine fondamentali nel campionato di Serie C.
Proprio grazie alle sue prestazioni con la divisa amaranto ha meritato il salto di categoria e non ha nascosto il suo entusiasmo per la sua nuova avventura.

“Quest’estate, quando è uscito fuori il nome del Chievo tra le varie carte in tavola da valutare, non ho avuto dubbi – spiega la Carleschi. Ho scelto Verona perché è una realtà importantissima nel panorama calcistico, femminile e maschile, quindi sicuramente si possono mettere le basi per crescere e far bene. Ovviamente mi affaccio in un campionato nuovo, la Serie B, ma senza paura, anzi con tanta voglia e determinazione“.
Quest’ultima è senza dubbio una delle qualità migliori della classe 2000, che con tenacia e cultura del lavoro ha mostrato una crescita costante.
Le sue caratteristiche sono quelle del difensore di “nuova generazione”, che al senso della posizione e alla pulizia degli interventi abbina la capacità di impostare l’azione da dietro. Una prerogativa che probabilmente deriva dal suo passato da centrocampista, un’esperienza che ha lasciato alla diciannovenne geometrie e visione di gioco.
Nelle tre stagioni di Perugia, dove è cresciuta calcisticamente prima dell’annata di Arezzo, la svolta come difensore centrale, oltre alla soddisfazione di aver vinto il campionato di categoria Juniores.

Una scalata che ha portato la giocatrice fino al Chievo, un realtà e una sfida del tutto nuova per la sua carriera che però non ha alcuna paura di affrontare.
Se c’è una cosa che traspare con chiarezza nelle sue parole di Francesca è proprio la voglia di farsi largo, oltre a una genuina passione che la spinge continuamente a migliorarsi: “Ho aspettative molto alte perché conosco la storia del club e le grandi giocatrici che ci sono, quindi sarà bello confrontarmi con loro, ascoltare tanto e immagazzinare tutti i consigli utili per poter rendere di più – spiega il difensore. Sono ambiziosa e competitiva quindi l’obiettivo è sicuramente quello di capire il campionato da affrontare e cercare di giocarmi con tutte le forze un posto, facendomi sempre trovare pronta quando chiamata in causa. Non vedo l’ora di conoscere la squadra e iniziare a lavorare con tutto lo staff per aggiungere ogni giorno qualcosa di nuovo al mio bagaglio calcistico”.
Non dovrà aspettare molto, visto che la ripresa degli allenamenti, quindi l’inizio della sua avventura, è ormai alle porte.
Dal 5 agosto, infatti, la calciatrice si aggregherà alla rosa di mister Dalla Pozza per la preparazione e avrà la possibilità di mettere in campo le sue doti, oltre alla grinta che la contraddistingue.

Da parte di tutto il mondo gialloblù, benvenuta Francesca!

 

 

 

Salaorni fino al 2021: rinnovo per la veterana e leader della difesa gialloblù

Salaorni fino al 2021: rinnovo per la veterana e leader della difesa gialloblù

Ancora un anno, ancora un campionato, ancora un altro passo insieme a Francesca Salaorni.
La bandiera del club continuerà a sventolare alta su tutti i campi della serie cadetta anche nel corso della prossima stagione.
Il leader difensivo gialloblù ha infatti firmato il rinnovo di contratto con il ChievoVerona Women, a cui resterà legata almeno fino a giugno 2021.
Prosegue, dunque, il lungo matrimonio fra l’esperta calciatrice e la società con sede a Mozzecane.
Centoquarantuno presenze dopo quell’esordio in Prima Squadra nell’ormai lontano campionato 2009/2010, la giocatrice veronese è ancora pronta a difendere i colori gialloblù.

Un lungo sodalizio che continua e che però, almeno per una volta, è stato messo in discussione e avrebbe potuto interrompersi.
Oltre a mettere a punto di anno in anno la retroguardia clivense, Francesca garantisce la stessa affidabilità anche su un campo diverso, quello dell’ingegneria. Proprio il suo percorso professionale, come spiega la stessa calciatrice, ha generato qualche dubbio sulla proroga del contratto: “Quest’anno mi sono trovata in difficoltà sul rinnovo e fino all’ultimo non sapevo cosa avrei fatto.  A fine aprile ho conseguito la laurea magistrale e ho iniziato pensare al futuro e al lavoro. Mi sarebbe piaciuta un’esperienza all’estero, ma vista la situazione Covid ho dovuto ridimensionare i miei piani – continua la Salaorni. Ora ho trovato lavoro a Rovereto e quindi sono riuscita a rinnovare con il Chievo, è difficile pensare di smettere. Penso che sarà dura, ma finché ci si diverte la fatica passa in secondo piano. L’importante è sempre porsi degli obiettivi ed avere nuovi stimoli che ti spingano a fare meglio ed a crescere sia individualmente sia come gruppo“.

Francesca Salaorni in azione contro la Juventus.

Del resto non è facile lasciare un club in cui hai trascorso quasi tutta la vita.
Con questa casacca Francesca ha rincorso per la prima volta un pallone, ha mosso i primi passi sul rettangolo da gioco e dopo tanti anni nel settore giovanile è stata promossa in Prima Squadra.
Da lì un percorso pieno di soddisfazioni, vittorie, sconfitte, promozioni e tutte quelle sfide che hanno segnato il tragitto della compagine gialloblù. Per questo motivo, ogni volta che indossa questa maglia, scende in campo anche un pezzo di storia del club con sede a Mozzecane.
Quest’anno sarà il 19esimo con la società – afferma il difensore. Sicuramente essere ancora legata a questa maglia dopo tutti questi anni fa piacere anche perché ti fa sentire ben voluta, ma allo stesso tempo ti senti più responsabile nel portare avanti gli ideali della società. Il fatto di rimanere ancora dopo tutti questi anni vuol dire che è un ambiente in cui ci si trova bene e con progetti in cui credere”.

Francesca Salaorni non ha la fascia al braccio, ma è ancora capitano nell’animo, per indole e vocazione.
Proprio per la naturale propensione a pensare prima alla squadra che all’individualità, nella scorsa stagione ha ceduto il ruolo alla più esperta Valentina Boni, fuoriclasse della rosa di mister Dalla Pozza.
Con la stessa umiltà e con la consueta lucidità la calciatrice ha parlato degli obiettivi della squadra per la prossima stagione: “L’anno scorso siamo stati discontinui e perciò sicuramente dovremmo riuscire a trovare un nostro equilibrio e crescere mentalmente. Per il prossimo campionato partiamo pensando di migliorare la posizione dell’anno scorso, poi saranno il lavoro ed il campo a darci risposte. Se pensiamo alla promozione? Tornare a riassaporare il palcoscenico della massima serie è sicuramente un sogno. Quando siamo andate in Serie A ero ancora una delle giovani, riuscire ad arrivarci come una delle ‘vecchie’ avrebbe un altro sapore. Il livello in questi anni si sta alzando notevolmente quindi sarà sempre più difficile riuscire a raggiungere certi livelli, però non si sa mai”.

Seppur ancora giovanissima, la Salaorni ha infatti contribuito alla vittoria del campionato 2011/2012, chiuso dalle ragazze gialloblù da imbattute. Poi 11 presenze nella massima categoria e tanti altri campionati positivi in cadetteria.
La centrale ha risposto presente anche in questa nuovo percorso del club, che si avvale della collaborazione con l’A.C. ChievoVerona. La veterana è intervenuta proprio sul fresco progetto gialloblù: “Il cambio di società e la rinnovata collaborazione con l’A.C. ChievoVerona è buon punto di partenza verso la via del professionismo. Sono state gettate delle basi importanti ma c’è ancora molto lavoro da fare. È importante che la società maschile creda nel progetto e nella crescita del movimento femminile”.
Di questa nuova era farà parte anche Francesca Salaorni, punto di riferimento e di congiunzione fra la storia del club e il rinnovamento appena tracciato.

 

Ufficio Stampa – ChievoVerona Women F.M.

Facebook: Chievo Verona Women F.M. 
Instagram: chievoveronawomenfm
Twitter: @ChievoWomen

 

Il Chievo blinda Mascanzoni, pendolino della fascia gialloblù

Il Chievo blinda Mascanzoni, pendolino della fascia gialloblù

Un’altra conferma di primissimo ordine per la rosa del ChievoVerona Women in vista della prossima stagione di Serie B.
Daiana Mascanzoni, arrivata fra le fila del club con sede a Mozzecane un anno fa, proseguirà la sua avventura in gialloblù.
La giocatrice nata a Bussolengo ha firmato il prolungamento di contratto con cui si è legata alla società della Diga fino al 2021.
Ho deciso di rinnovare prima di tutto per il gruppo e per le ragazze, dato che lo scorso anno mi sono trovata bene – ha spiegato Daiana Mascanzoni . Poi anche per il progetto che la società e Max Rossi (direttore generale, ndr) hanno intenzione di portare avanti. Sicuramente c’è dell’amaro per lo stop improvviso dell’ultima stagione, io come tutte le ragazze e il mister abbiamo voglia di rivincita, soprattutto perché stavamo ingranando e stavamo facendo dei buoni risultati”.

Ci sarà ancora lei, dunque, a presidiare le corsie laterali del ChievoVerona Women. Destra o sinistra fa infatti poca differenza per la Mascanzoni, che nella scorsa stagione ha ricoperto anche più ruoli, ma sempre lungo quelle fasce che ama tanto consumare.
Laterale basso o alto, la costante è sempre la stessa: scorrazzare avanti e indietro per l’esterno del campo, contribuendo a far ammattire le dirimpettaie avversarie.

Nata come terzino di spinta, la 27enne si è fatta apprezzare nella seconda parte di stagione anche quando è stata schierata da mister Dalla Pozza come ala offensiva, rendendosi ancora più preziosa in zona gol.
Oltre ai consueti cross dal fondo, infatti, la Mascanzoni ha dimostrato di saper sfruttare anche la sua buona struttura fisica per rendersi pericolosa nel gioco aereo e nei tagli verso l’area di rigore.
Proprio sul ruolo e sul compito da svolgere in campo è intervenuta la stessa calciatrice: “Diciamo che devo entrare ancora bene nell’ottica di fare goal, dato che ho giocato per due anni come terzino in Serie A. Con il mister avevamo già definito il mio ruolo di attaccante appena è arrivato e che condivido. Ovviamente spero di fare tanti goal, ma sono al servizio della squadra qualsiasi cosa mi venga chiesta di fare”.

Daiana Mascanzoni garantisce alla formazione clivense un apporto di qualità, ma anche di esperienza. Nonostante la giovane età, infatti, il versatile esterno gialloblù ha accumulato 96 presenze e 20 gol in cadetteria, ma è soprattutto una delle giocatrici della rosa del Chievo che ha calcato di più i campi della massima serie: 62 volte con le maglie di Bardolino Verona e Chievo Valpo. Proprio con quest’ultimo, ha vinto un campionato di Serie B nella stagione 2016/2017.
Proprio la sua esperienza potrebbe essere utile per ripetere un risultato simile, ma la giocatrice preferisce restare cauta sugli obiettivi di squadra: “Non voglio fare pronostici per la prossima stagione perché sono scaramantica, quindi dico solo che bisogna lavorare bene ma allo stesso tempo divertirsi. C’è voglia di ricominciare e sono contenta di ritrovare Stefania Zanoletti, con cui ho trascorso un anno insieme al Chievo Valpo”.
Per tornare a divertirsi il Chievo Women non dovrà aspettare molto, vista l’imminente riapertura della stagione.
Un campionato difficile e imprevedibile, in cui però potrà contare ancora su Daiana Mascanzoni, pendolino della fascia, anzi, delle fasce gialloblù.

 

ChievoVerona Women F.M.

Facebook: Chievo Verona Women F.M. 
Instagram: chievoveronawomenfm
Twitter: @ChievoWomen

Il Chievo Women sbarca nel mantovano: collaborazione con l’ASD Ostiglia

Il Chievo Women sbarca nel mantovano: collaborazione con l’ASD Ostiglia

Continua a crescere l’area del settore giovanile gialloblù.
Il ChievoVerona Women F.M. prosegue il percorso di ampliamento del proprio bacino di utenza da cui attingere per scoprire le giovani campionesse del futuro.
Il club è infatti lieto di annunciare ufficialmente il nuovo sodalizio con l’ASD Ostiglia 1908.
La società lombarda, che rappresenta una realtà di grande tradizione sportiva nel territorio mantovano, ha mostrato ancora una volta il proprio impegno e una particolare attenzione per lo sviluppo del calcio femminile.
La collaborazione fra i due club, infatti, permetterà alle nate fra il 2009 e il 2014 che si alleneranno presso la scuola calcio della squadra ostigliese di essere tesserate dal ChievoVerona Women.
Un’opportunità importante per le aspiranti giocatrici del territorio limitrofo alla cittadina che sorge sulle rive del Po per vivere al meglio la passione per il calcio ed entrare a far parte della grande famiglia gialloblù.

Un intento che è stato illustrato chiaramente da Claudia Dell’Atti, vicepresidente della società lombarda: “Noi dell’ASD Ostiglia 1908 abbiamo sposato il progetto del Chievo Verona Women FM che mira a formare le nuove calciatrici attraverso un percorso preciso. È nata questa collaborazione che darà a bambine e ragazze del territorio la possibilità di imparare ed emergere in uno sport che ormai non è più solo maschile. È già possibile effettuare il tesseramento o fare una prova gratuita di qualche allenamento presso il nostro centro sportivo di Ostiglia”.
Una novità che ha appunto lo scopo di accompagnare il primo approccio di tante bambine con il mondo del pallone e che spera di preparare il maggior numero possibile di ragazze al tragitto verso i palcoscenici più prestigiosi del calcio femminile italiano, di cui fa parte anche la società clivense. Un percorso che, come spiega il presidente dell’ASD Ostiglia, Nicola Novi, è già stato intrapreso da qualche elemento formatosi a Ostiglia: “Vogliamo essere il centro di riferimento per reclutare giovani calciatrici per farle crescere dal punto di vista educativo, formativo e tecnico per entrare nella famiglia del ChievoVerona Women. Ne è un esempio una ragazza cresciuta nel nostro settore giovanile che nella passata stagione ha intrapreso l’avventura nel calcio femminile a Mozzecane e che ha avuto buoni risultati giocando anche in una categoria maggiore rispetto alla sua età”.

La partnership è stata fortemente voluta anche dal responsabile del settore giovanile del ChievoVerona Women, Gianluca Sgreva, oltre che da Loris Lubiato, che si occupa specificatamente della formazione delle piccole campionesse dai “Primi Calci” alle “Under 15”. Proprio quest’ultimo ha commentato la partnership fra il club con sede a Mozzecane e l’ASD Ostiglia: “Siamo soddisfatti di aver raggiunto brevemente per comunione di intenti questa collaborazione con la società mantovana, confinante le regioni Veneto ed Emilia Romagna. Speriamo possa incentivare la passione per il calcio femminile nel territorio, rispecchiando i valori che contraddistinguono la nostra società“.

ChievoVerona Women F.M.

Facebook: Chievo Verona Women F.M. 
Instagram: chievoveronawomenfm
Twitter: @ChievoWomen

 

Riconferma per Lucia Bonfante, jolly difensivo gialloblù

Riconferma per Lucia Bonfante, jolly difensivo gialloblù

Prosegue l’avventura della giovane Lucia Bonfante con la maglia del ChievoVerona Women.
Il promettente difensore lombardo ha rinnovato il proprio contratto fino al 2021, dimostrando di voler dare continuità al percorso di crescita cominciato già a partire dalle giovanili.
Quella di quest’anno sarà infatti la quinta stagione nel club con sede a Mozzecane, dopo alcuni campionati trascorsi fra Primavera e Prima Squadra.
La classe 2001 è però ormai entrata stabilmente a far parte della rosa di mister Dalla Pozza e guarda al nuovo inizio della Serie B con fiducia e tanta voglia di apportare il proprio contributo.

Credo molto in questa società, è una società seria in cui mi sono sempre trovata benissimo – spiega la Bonfante. Sarà sicuramente un campionato impegnativo ma come squadra daremo il massimo giocandocela fino in fondo. La voglia di ricominciare è tanta, la scorsa stagione personalmente non avevo iniziato molto bene ma sul finire della stagione avevo iniziato ad avere una maggior fiducia e per questo sono determinata e ambiziosa per riuscire a ricominciare nel migliore dei modi”.

Terzino veloce e dalla buona struttura fisica, la Bonfante si è fatta apprezzare anche quando è stata schierata da difensore centrale. La versatilità è sicuramente una delle sue doti, dimostrando un’adattabilità e un’intelligenza tattica che di solito appartiene a giocatrici più esperte. Jolly della retroguardia sì, ma con una preferenza precisa: “Il ruolo che preferisco è il terzino perché è quello che mi rispecchia di più, in cui mi trovo più a mio agio per quelle che reputo essere le mie qualità, anche se devo dire che le volte in cui ho giocato difensore centrale mi sono trovata molto bene”.

Nonostante la giovanissima età, la calciatrice ha già fatto registrare un buon bottino di presenze in Serie B.
Sono 32 le presenze in cadetteria per la Bonfante con la maglia gialloblù, condite anche da un gol. Come dice il difensore, però, il proposito per la prossima stagione è quello di aumentare il minutaggio ed entrate frequentemente nelle rotazioni del mister. Un obiettivo che va di pari passo con i progressi tecnici che la giovane vuole continuare a compiere: “Quello che ti fa crescere giocando con ragazze più grandi è l’esperienza che possono trasmetterti, in questi anni le mie compagne di squadra sono state fondamentali, ascolto sempre tutti i consigli cercando di imparare il più possibile. Personalmente vorrei migliorare da tutti i punti di vista, principalmente tecnicamente ma soprattutto dal punto di vista mentale e della concentrazione. Spesso gioco con un po’ di ansia o senza riflettere commettendo errori stupidi. Sicuramente vorrei riuscire ad avere una maggior continuità, il mio obiettivo principale oltre a cercare di migliorare di volta in volta e aumentare il numero delle presenze”.

 

ChievoVerona Women F.M.

Facebook: Chievo Verona Women F.M. 
Instagram: chievoveronawomenfm
Twitter: @ChievoWomen